TG1: genitori separati e figli bottino


«Ben 150,000 bambini coinvolti ogni anno nelle procedure di separazione o divorzo possono essere colpiti dalla cosìdetta Sindrome di Alienazione Genitoriale. Succede quando un genitore instilla nel figlio rancore, astio, disprezzo verso l’altro genitore.  I figli in sostanza diventano bottino di guerra, spesso un’arma di vendetta da usare contro l’ex-coniuge. Una forma di violenza psicologica che comporta vere e proprie patologie.


La dott. Melita Cavallo, Presidentessa del Tribunali dei Minorenni di Roma, dichiara: “quando un Giudice emette un provvedimento, che regolamenta il diritto dei bambini a mantenere rapporti continui e frequenti con il padre, deve pretenderne l’esecuzione, deve monitorare e seguire il provvedimento, ad ogni costo”.

L’avvocato matrimonialista Cesare Rimini dichiara: “l’affido condiviso ha migliorato la situazione, ma non si pensi che la Sindrome di Alienazione Genitoriale possa essere evitata con il tipo di affidamento”».

Fonte: servizio del TG1 a firma Laura Cason.

Visualizzazioni dopo 11/11/11: 7317

5 Comments

  1. […] Lo riconosce il Parlamento: le femministe hanno invertito l’onere della prova var addthis_product = 'wpp-254'; var addthis_config = {"data_track_clickback":true}; L’Italia ha il minor tasso di violenza sessuale fra i grandi paesi  occidentali [fonte: nationmaster in figura] ma gravi problemi di mafia. Viene quindi varata una legge che sovverte le fondamenta della normale giurisprudenza.   Per combattere la mafia?  No, per combattere gli uomini.  In base all’ideologia femminista.  Ad esempio su Liberazione del 20 luglio 2007 Angela Azzaro scrive Il movimento delle donne si è battuto contro questo clima, ha ottenuto importanti cambiamenti, registrati dalla legge sulla violenza sessuale che stabilisce, tra gli altri punti, l’inversione dell’onere della prova: gli accusati devono dimostrare la loro innocenza e non viceversa. Sul sito di Sportello Donna tale violazione dello Stato di Diritto è presentato come conquista: Come ricordano le autrici, il saper accogliere empaticamente il racconto di violenze subite è una pratica nata con il femminismo, non è una scienza consolidata da secoli di esperienza e di dottrina. Ma questa originalità è anche la ricchezza di tale pratica. Un’ esperienza di donne per le donne che è riuscita a mettere in discussione molte certezze consolidate anche nel diritto, si pensi alla inversione dell’onere della prova nei processi per stupro Tale abominio giuridico viene riconosciuto addirittura in un documento parlamentare (parlamento.openopolis.it, pagina 2): Con la citata legge n. 66 del 1996 cambiano finalmente anche i termini processuali, con l’inversione dell’onere della prova, grazie alla quale non è più la vittima a dover «dimostrare» di essere stata stuprata, ma l’aggressore a dover dimostrare di essere innocente. Nel 2010 una ulteriore legge illiberale voluta dalle Pari Opportunità (l’uomo accusato di stupro va in galera prima del processo) è stata abrogata in quanto la Corte Costituzionale ha riconosciuto che viola i diritti umani, come riconosciuti dalla Costituzione.  Purtroppo la Costituzione italiana manca dell’articolo 49 che nella Costituzione Russa tutela i cittadini dai processi-farsa di epoca sovietica: “l’imputato non ha l’obbligo di dimostrare la propria innocenza”. Ci rimane quindi il problema dei processi-farsa, nei quali uomini vengono condannati sulla base del nulla, solo perché non sono in grado di provare la propria innocenza. Un caso per tutti: la condanna di don Giorgio Carli nel primo processo onirico della storia. Una donna, in cura da una psichiatra che usa la controversa tecnica della «distensione immaginativa», dice di sognare di venir stuprata davanti al bar San Giorgio.  In paese c’è un prete colpevole di chiamarsi Don Giorgio: sulla base di ricostruzioni psicologiche viene accusato di avere, 14 anni prima, abusato la donna quando era bambina, insieme ad un altro bambino. L’altro ex-bambino viene rintracciato e nega; nel processo la donna non sa che don Giorgio è circonciso.  Ma non è in grado di provare la sua innocenza di 14 anni prima: sulla base dell’inversione dell’onere della prova Don Giorgio viene condannato (solo in appello) per pedofilia e la donna ottiene un risarcimento di 760,000 €. Don Giorgio è tornato fra i parrocchiani che lo hanno accolto a braccia a aperte. Per evitare che i cittadini decidano che in un tale sistema è inutile rispettare le leggi occorre abrogare queste leggi illiberali, riconoscendo che sono motivate dall’odio femminista e nulla hanno a che vedere con la difesa della donna (tanto che anche in Svezia nemmeno una donna su 100 ha votato per il Partito Femminista), che l’uso sistematico di calunnie femministe in sede di separazione è oramai diventato una forma di abuso sui bambini (tanto che talune femministe arrivano a negare l’Alienazione Genitoriale). […]

  2. Marco

    La dottoressa Cavallo invece di spendere il suo tempo a disegnarsi un ruolo da opinionista farebbe meglio a monitorare e intervenire sui suoi magistrati che utilizzano un potere discrezionale scandaloso che ormai sta portando ad un disagio sociale gravissimo.
    Chi si trova purtroppo ad esser coinvolto nel Tribunale dei Minori entra in un rito inquisitorio inaccettabile.Ed è altrettanto inaccettabile che gli eventuali errori di un magistrato del Tribunale per i Minori vengano valutati all’interno del Tribunale stesso da un collegio in sostanza di colleghi…rendendo così vano un ricorso del malcapitato inquisito.
    Dottoressa Cavallo, si impegni di più per cambiare il suo tribunale…così com’è è un disastro per le vite di tanta gente innocente.

  3. Massimo

    laddove la giustizia non riesce a porre un rimedio equiparando i diritti/ doveri materiali tra ex coniugi,sarà sempre di piu’ il ” fai da te ” individuale che tenterà di porre una ” regolamentazione ” popolare.

  4. cavallina-volpe

    Purtroppo in questi tribunale dei minorenni i genitori sempre perdono la battaglia.Perchè loro sempre danno raggione a chi denuncia i
    genitori.
    Per questo gli assistenti sociali non ascoltano i genitori-ma subito accusano,i tribunali per i minorenni solo 2 minuti danno per i genitori ,solo per rispondere al loro domande.
    Purtroppo prima del giudizio tolgono già i diritti dei genitori,come se sono colpevoli sicuramente.
    Anche la decisione del tribunale -sempre male per i genitori-decidono i magistrati prima.
    Ecco perchè non e una vera causa.

  5. cavallina-volpe

    Non i genitori vogliono torturare i bambini,ma questi tribunali per i minorenni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *