Risarcimento per il genitore vittima di alienazione – Sole 24 Ore 14/10/2016

Eil-sole-24-ore-logo’ preciso onere di ogni genitore attivarsi per recuperare e mantenere l’immagine dell’altro genitore nei confronti del figlio. In caso di “boicottaggio”, scatta la sanzione del risarcimento del danno ex articolo 709-ter del Codice di procedura civile in favore del genitore “alienato”. Lo stabilisce la sentenza 18799/2016, emessa dal Tribunale di Roma, sezione Prima (giudice Donatella Galterio) l’11 ottobre 2016.
Accertato che il genitore collocatario (la mamma) non aveva in alcun modo tentato di riavvicinare il figlio al padre «risanandone il rapporto nella direzione di un sano e doveroso recupero necessario per la crescita equilibrata del minore..ma al contrario continuando a palesare la sua disapprovazione in termini screditanti nei confronti del marito», il Tribunale ha viceversa affermato che la ex moglie avrebbe dovuto attivarsi per «consentire il giusto recupero del ruolo paterno da parte del figlio, che nella tutela della bigenitorialità cui è improntato lo stesso affido condiviso postula il necessario superamento delle mutilazioni affettive del minore». Occorreva spingere il figlio verso il padre, invece di prendere tutti i pretesti per sfuggire agli incontri programmati, cercando di recuperare «la positività della concorrente figura genitoriale nel rispetto delle decisioni da costui assunte».
In buona sostanza per il Tribunale di Roma entrambi i genitori – in quanto preciso onere del corretto esercizio della responsabilità genitoriale – devono aver rispetto dell’ex, che va salvaguardato nei confronti dei figli. Cosa non avvenuta nel caso di specie, tanto che il giudice ha poi “ordinato” al genitore collocatario di condurre il figlio da un terapeuta per aiutarlo a riprendere i rapporti con il padre.
Ma non è finita lì. Alla luce della «condotta genitoriale, volta ad ostacolare il funzionamento dell’affido condiviso con gli atteggiamenti sminuenti e denigratori della figura paterna», il giudice – seguendo la costante giurisprudenza della sezione Famiglia del Tribunale di Roma – ha applicato il meccanismo sanzionatorio previsto dall’articolo 709-ter Cpc, ammonendo la madre e stabilendo a suo carico un risarcimento danni di 30mila euro, liquidato in via equitativa (si tratta di persone più che benestanti). L’obiettivo dichiarato dal Tribunale è anche dissuasivo: evitare il protrarsi delle condotte pregresse, “minacciando” in caso contrario «sanzioni ancor più gravi compresa la revisione delle condizioni dell’affido».
La sentenza ribadisce poi un principio consolidato, rigettando la richiesta di revisione delle condizioni economiche. L’assegno divorzile è legato alle condizioni del coniuge onerato e a quelli che sono i ragionevoli sviluppi delle situazioni preesistenti: quindi niente da fare se l’incremento patrimoniale dell’ex-coniuge obbligato deriva da un lascito ereditario successivo alla cessazione della convivenza. Si tratta infatti di miglioramenti «scaturiti da un evento autonomo per altro di natura straordinaria ed una tantum», che mai potrebbero costituire l’evoluzione di aspettative dell’altro coniuge quando il vincolo matrimoniale è definitivamente sciolto con il divorzio.

Franca Deponti

Fonte/Credits:
http://www.associazionenazionaleavvocatiitaliani.it

http://www.quotidianodiritto.ilsole24ore.com/

Visualizzazioni dopo 11/11/11: 3292

4 comments for “Risarcimento per il genitore vittima di alienazione – Sole 24 Ore 14/10/2016

  1. Rita Malloru
    16 ottobre 2016 at 18:50

    …e quando è il papà che fa in modo che i figli detestino la madre???
    Sto vivendo una situazione agghiacciante…e non so più cosa fare…

  2. batman
    17 ottobre 2016 at 08:28

    La giurisprudenza dei tribunali italiani è più propensa a favorire le madri dei padri,quindi in una situazione simile il risarcimento è certamento dovuto anche se il genitore manipolatore è il padre.

  3. Francesco
    19 ottobre 2016 at 19:53

    Buonasera
    Sono tre anni che sono separato (da premettere che convivevo) abbiamo 2 figli e da piu di un anno non me li fa ne vedere e me li mette contro parlando male di me finalmente il giudice ha fissato la data per una regolarizzazione ma fin adesso mi è impossibile vederli.
    Non vado più a casa mia dove abitano loro perché chiama i carabinieri minacciandomi di stoalking ma al di la delle minacce io non vado per non dare traumi ai bambini perche grida come una pazza e nelle diverse chiamate che faccio per parlare con i bambini lei mi dice che non mi vogliono parlare e lei non puo obbligarli a fare cose che non vogliono quindi non me li passa da premettere che i bambini hanno 10 e 8 anni ed ho tutte le registrazioni delle chiamate
    E possibile fare qualcosa senza che ancora ci sia una regolarizzazione del giudice?

  4. batman
    20 ottobre 2016 at 07:08

    Chieda ad un avvocato con esperienza nel campo nella sua città (che quindi conosce i precedenti).
    In ogni modo, se – a quanto si capisce – lei è separato di fatto, senza neppure il provvedimento dell’udienza presidenziale, è verosimile che ogni operatore eventualmente interpellato si trincererebbe dietro al paravento dell’assenza di una regolamentazione formale dei tempi di affido dei figli. Quindi cerchi di ottenere al più presto un provvedimento del giudice e poi si prepari ad una lunga battaglia per farlo applicare. Se la sua ex vuole veramente fare la guerra, purtroppo è probabile che i tempi che seguiranno al primo provvedimento per farlo effettivamente applicare saranno così lunghi che arrivati al dunque gli operatori cominceranno a dire che i figli sono troppo grandi per gestire una esecuzione del provvedimento. Va anche detto che in casi come questi la giurisprudenza sta diventando sempre più decisionista e potrebbe anche capitare che i figli preadolescenti finiscano in una struttura per qualche mese prima di essere affidati a lei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *