Mamma citata in giudizio da figli manipolati dal padre

Due figli appena maggiorenni hanno fatto causa alla loro madre per “bad mothering“, cioè per cattiva condotta nell’educarli ed hanno chiesto oltre 50 mila dollari di risarcimento.  Tra le ragioni di lamentela i figli hanno riportato che la madre non avrebbe comprato i giocattoli che chiedevano, che li avrebbe obbligati ad allacciare le cinture di sicurezza in auto e che spesso sarebbe stata in disaccordo sulle loro spese personali.

La singolare causa è stata avviata in un Tribunale USA dell’Illinois.

Il sospetto che in realtà si tratti di alienazione genitoriale è confermato dal fatto che uno dei tre avvocati dei figli di 20 e 23 anni è il loro stesso padre, che si è difeso dicendo di aver cercato di dissuaderli dall’azione legale, ma di ritenere comunque come professionista che deve essere sempre legittimo chiamare a rendere conto delle loro scelte i genitori.

Il giudice ha respinto l’istanza dei due figli, come riferisce la rivista Business & Law.

Nel commentare la notizia il sito www.wireservice.ca intervista la dottoressa Kathleen Reay che descrive  i danni che può provocare l’alienazione genitoriale sui figli anche quando come in questo caso sono maggiorenni.

La dottoressa Kathleen Reay ha pubblicato nel 2011  il libro Toxic Divorce sul tema dell’alienazione genitoriale.

Fonti:

 

Visualizzazioni dopo 11/11/11: 3175

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *