Lettera di una madre a cui il marito ha messo contro i figli

Ripubblichiamo qui per assicurarne la massima diffusione una lettera spedita alla rubrica “Coppie di… fato” della dott.ssa Mammoliti su Affari Italiani. La risposta si può leggere in calce alla lettera sul sito di Affari Italiani.

Ho 47 anni e tre figli maschi in eta’ adolescenziale:13/15 e 17 anni.

dopo anni di lavoro su me stessa, ho deciso di separarmi da mio marito, un manipolatore narcisista perverso, io lo definisco “PROFANATORE DI ANIME”!

19 anni di matrimonio e 9 di fidanzamento dove ho cercato piu’ volte di lasciarlo ma senza mai riuscirci!

E’ stato in tutti questi anni, un rapporto sempre pieno di aggressivita’ verbale con parolacce, insulti e umiliazioni sia a casa che fuori casa, mi ha percosso piu’ volte, faceva nascere in me sempre sensi di colpa accusandomi di non capirlo ecc, quando cercavo di parlare con lui chiedendo spiegazioni non mi rispondeva e mi annullava come donna, umiliandomi anche durante i rapporto sessuali, insultandomi fisicamente!

Questo e’ soltanto un minimo di quello che ho passato e che sto passando con quest’uomo, si, parlo al presente perché viviamo ancora sotto lo stesso tetto e da quando ho chiesto la separazione si e’ accanito di più’ contro di me, e sta mettendomi i figli contro , riempiendoli di bugie e giocando sulla loro sensibilita’, fragilita’ e abusando dell’amore che provano per lui cercando la loro alleanza!

Ecco perché lo chiamo profanatore di anime!

Mi trovo in una situazione da dovermi difendere non piu’ da un serial killer ma da quattro serial killer, perche” i ragazzi sono arrabbiati con me perché sto lasciando il loro padre, (lui si fa vedere vittima di questa situazione)! Arrivo dunque al sodo e le chiedo, mi sto difendendo da mio marito e dai suoi attacchi manipolatori che cercano in tutti i modi di indebolirmi stando lontana il piu’ possibile da lui, parlandogli il meno possibile ecc, (sto seguendo i consigli che lei ha scritto nel suo libro)anche se per i figli gli devo parlare, ma: dai figli vittime del manipolatore padre e che per “difendere” il padre, usano gli stessi comportamenti del padre verso la madre, mi umiliano, non mi parlano, mi aggrediscono subito verbalmente appena provo ad avvicinarmi a loro, non mi vogliono ascoltare ne mi lasciano la pissibilita’ di ribadire e/o difendermi ecc, manca poco che magari mi alzino le mani, e quando li vedo così rivivo tutto quello che ho passato con il loro padre e non voglio che loro siano uguali a lui.

Sono molto preoccupata sia per me che per la loro crescita (lui ha chiesto l’affidamento dei figli) qualora dovessero essere affidati a lui!

Un manipolatore narciso, ti fa credere che sei tu la folle e che hai bisogno di cure e di andare dallo psicologo!

Le chiedo dott.ssa Mammoliti, se dal marito manipolatore si riesce prima o poi a difendersi e a lasciarlo, dai figli manipolatori dell’eta’ dei miei figli, come deve comportarsi e difendersi una madre?

Ha qualche suggerimento da darmi o qualche titolo di un libro da segnalarmi?

La ringrazio per l’ascolto, rimango in attesa di sue notizie spero vorrà rispondermi!

Sono d’accordo con lei sull’importanza di creare una rete d’informazione sulla violenza manipolatoria casalinga aggiungo non solo sulle donne di cui si parla tanto ma per la mia esperienza anche sui figli!

Fonte originale: http://www.affaritaliani.it/rubriche/coppie_fato/

D.F.

Visualizzazioni dopo 11/11/11: 12333

11 comments for “Lettera di una madre a cui il marito ha messo contro i figli

  1. Bianca
    2 Gennaio 2017 at 20:26

    Sto attraversando la stessa situazione. Otto anni di fidanzamento, 20 di matrimonio, tre figli: due adolescenti, 18 e 20, manipolati dal padre e contro di me, e poi la piccola, 10 anni. Quasi un anno e mezzo di convivenza nell’attesa dell’udienza per la separazione: un incubo. Mesi in cui in ogni modo li ha allontanati da me riempiendoli di attenzioni e di bugie. Un lavoro partito da lontano, ma io non me ne ero resa conto. Ho sofferto da pazzi, me li sono sentiti strappare via da dentro. Poi mi sono rassegnata al fatto che i due grandi siano andati a vivere dal padre. Mia figlia non mi parla da un anno e mezzo. Un dolore immenso, e una certezza: io li amo. Non smetterò mai di cercarli. Sono riuscita a chiudere questo rapporto distruttivo e sto recuperando la mia serenità. Alimento in me la speranza di riabbracciarli nella verità, e non nelle menzogne costruite dal padre nell’intento di annientarmi. E voglio aver cura di me stessa e delle mie relazioni, voglio stare bene. Ai i miei figli mando messaggi affettuosi ma fermi, e ricordo loro che hanno bisogno di aiuto. E’ quello che riesco a fare. Ora sono sola, ma non più disperata. Un abbraccio a una mamma da una mamma, Bianca

  2. Flora
    29 Aprile 2017 at 16:25

    Sempre più vampiri e storie di amori malati che si ripetono. Sono stata unita al padre dei miei due figli maschi per 25 anni, 15 di matrimonio e 10 fidanzati. Un uomo anaffettivo e prepotente, piano piano ha preso la mia vita nelle sue mani. Un manipolatore, un narcisista e accentratore di poteri, lui era superiore a tutti e il resto contorno che serviva. Mi ha disprezzato, umiliato davanti ai miei figli all’ ordine del giorno quando presente perché in questi anni ha fatto il latitante accettando lavori fuori sede e lasciando a me la gestione della famiglia, casa e attività. Quando non c’è stata più una briciola di rispetto e il rischio della crescita educativa dei miei figli seguendo questo esempio ho trovato tutto il mio coraggio e la mia forza di dire basta ad un matrimonio che non aveva più i presupposti per continuare. A questo punto questo essere ha cominciato a dire che sono diventata pazza, che non ero buona a nulla, ha comprato i miei figli nella piena età a rischio in cui vogliono piena libertà e decidere di fare loro senza regole e io sono diventata la madre cattiva che maltratta.
    Scene di violenza fisica e verbale andate avanti per mesi, provo a resistere e a contenere il tutto e quando richiedo un educatore e una baby sitter tramite ai servizi siciali a cui lui si era rivolto, dopo due uscite di un educatore lui vedendo a rischio la possibilità di ricostruire quello che lui aveva distrutto mi porterà via i miei figli da casa. Ci sarà denuncia per sottrazione di minori che sarà archiviata per strumentalizzazione in fase di separazione. Da un anno non mi fa stare e vedere i miei figli e i servizi sociali che hanno l’ affidamento é un servizio inesistente che specula sui problemi invece di sanarli. I miei figli sono prigionieri di un genitore disturbato che non ha saputo accettare la fine di un rapporto dove la schiava si libera del carceriere e i miei figli sono le sue marionette o meglio robot che telecomanda avendo trasferito in loro sentimenti negativi come odio e rancore. Mi chiedo come la giustizia possa permettere ciò e fare stare due bambini con una persona malvagia e non in grado di accettare e superare un rapporto finito.
    Io sono stata ripudiata da una famiglia siciliana di origine, questo essere mi ha licenziata dal lavoro e lasciato senza viveri perché da due mesi ancora non mi hanno pagato il TFR, mi ha lasciato al buio e srbza eiscaldamento per 20 giorni, ma sono Serena e vado avanti perché l’aiuto di Dio, di mio padre dal cielo e degli amici veri é con me.
    Porto avanti la mia giusta causa per la mia dignità di madre e donna e perché i miei figli vedendo la mia scelta possano davvero capire e sapere distinguere il bene dal male e il vero dal falso. Io ricomincio da zero e non sono in vendita a nessuno, la mia anima é pulita e posso camminare a testa alta e guardare negli occhi le persone a differenza di qualcun altro che si sta macchiano di colpe gravissime come far uccidere una madre viva ai propri figli.

  3. 3 Dicembre 2019 at 13:46

    Mamma disperata ho dato la vita x i miei figlie ormai loro sono grandi mi hanno sempre fatta dannare li ho sempre aiutati restavo persino senza cibo x farlo a lori vengono da me solo x richieste di danaro non mi guardano in faccia e se riesci ad accontentarli non solo non restituiscono ma ti danno improprie e arroganza a non finire vivo con un pensione modesta sono stanca ,sola e vedova da 30 anni cosa devo fare ?se ho bisogno lori non ci sono mai

  4. 18 Luglio 2020 at 00:17

    Stessa situazione io sono al limite,mi sono stati tolti i piccoli dopo anni di sacrifici un giudice ha deciso di affidare provvisoriamente i miei figli al padre un uomo che oltretutto non lavora,e non ha mai passato un mantenimento.ma non parlo di soldi ma di umanità,un uomo che usavo piccoli e mi fa passare per quella che non sono,io mi chiedo ma la legge da quale parte sta.si dice che bisogna avere fede e pazienza e io oramai sto perdendo anche quella,sto lottando con tutte le mie forse,ma ora mi sento crollare.

  5. Nihal
    24 Dicembre 2020 at 14:59

    Piango nel leggere le vostre esperienze e mi sento per la prima volta meno sola. Mio marito, con cui sto da 23 anni, è un manipolatore e bugiardo patologico, gioca il ruolo della vittima davanti ai nostri figli dopo avermi derisa e umiliata con loro. Tende a sminuirmi e a demolirmi anche davanti agli amici, approfittando del suo linguaggio forbito e della sua cultura, lui infatti “conosce il mondo” e ha una risposta per tutto. Purtroppo anche i miei figli stanno prendendo la sua strada e questo mi fa soffrire: Non mi rispettano, mi umiliano e mi deridono. A volte quando non sanno come umiliarmi(sport preferito soprattutto a tavola)tirano fuori storie vecchie, tipo un verbo che ho sbagliato mesi prima o di quel giorno in cui “mi sono offesa” e ricominciano e ridono e lui con loro. Ho provato a parlarne con lui sia con calma che con rabbia, dopo l’ennesima umiliazione e lui reagisce in due modi: O sbuffa alzando gli occhi al cielo e se ne va o mi alza le voci dandomi dell’esagerata, che la devo finire ecc ecc Un’altra cosa che mi da fastidio è che ogni cosa che fa la deve sottolineare con vittimismo, come fosse un supereroe e lo ripete cento volte: Se fa la spesa, se cucina, se mette a posto una stanza, se aggiusta qualcosa e cosi via, io che faccio di tutto e di piu non vengo neanche calcolata. Essendo lui un lavoratore fuori sede per parecchi mesi io mi occupo di tutto, anche lavorando e scarrozzando i miei figli tutti i giorni e tutto il giorno, eppure per me non ci sono medaglie nè piedistalli! I miei figli ormai si sentono liberi di trattarmi a pezze in faccia e lui non fa nulla per impedirlo se non ridere con loro o lanciarsi sguardi di intesa e complicitá. Non so piu cosa fare, arrabbiarmi è inutile, parlarne con calma è sentirmi dare della permalosa visionaria…resta il silenzio, subire e piangere di nascosto è il modo per sopravvivere con la speranza di un futuro migliore.

  6. Loredana
    28 Febbraio 2021 at 11:13

    Buon giorno !! Io che pensavo che solo io avesse quel problema , ma sento un gran sollievo sentirvi il mio inferno e iniziato due giorni fa vi capisco quanto dolore nelle vostre testimonianze 😞

  7. Sara
    1 Marzo 2022 at 10:03

    Buongiorno , mi trovo nella stessa situazione di queste mamme che si trovano dopo essere riuscite a liberarsi da un ex coniuge manipolatore , ci ritroviamo a doverci difendere dagli stessi figli che assumono lo stesso atteggiamento del padre nonostante ho un affidamento esclusivo loro apprezzano ed esaltano tutto quello che fa lui e sminuiscono e danno per scontato tutto ciò che io faccio per loro umiliandomi offendendomi e ricattandomi che se ne vanno dal padre a vivere non si può andare avanti così cerco aiuto sapete consigliarmi

  8. Sara
    16 Ottobre 2022 at 04:11

    Senza parole! Perché non fare dei corsi su come essere mariti? Come essere suocere e muore? La gente non sa comportarsi!🥺🥺🥺🥺

  9. claudio
    3 Dicembre 2022 at 22:32

    Sono solo indignato di come le donne oggi trattano la propria famiglia per l’egoismo che nutrono dentro. Calpestano ogni sentimento e pur di ottenere quello che vogliono venderebbero l’anima al diavolo. Basterebbe cambiare le leggi attuali verso un sistema più equo e tutto questo tormento finirebbe. Perché mettete al mondo dei figli di cui non vi sapete occupare? Dovete restare sole a vita e bruciare vive all’inferno.

  10. Fatiha Atay
    4 Dicembre 2022 at 09:50

    Sono donna straniera ho avuto convivenza con narcisista covert,figlio di una mamma narcisista naffettiva.Questa donna mi ha rovinato la vita con invidia cattiveria e odio.Nel 2003 nato il nostro figlio da li sono entrata in un film dell’orrore scopro che lei voleva diventare la madre del mio figlio e sostituirmi in tutto, critica ogni cosa la faccio con il bimbo , lui non prendeva posizione peggio ancora da regione alla mamma.Ho scoperto che questi hanno voluto probabilmente un utero in affitto e mi hanno usata solo per avere un nipote.Faccio riconoscimento di laurea straniera e frequento l’università per scappare dal clan e diventare donna libera mi sono laureata a 110 lode.quando la pazza ha capito che sto per diventare libera manda il mio compagno da me chiedendomi che la sua mamma vuole un 2 nipote.Ho riso sopra dicendo: Non sforno più figli devo lavorare.Prima di discutere la tese di laurea ho scoperto sulla posta elettronica che il mio compagno iscritto ad un chat e contatta altre donne. Da lì mi sono allontanata emotivamente da lui.Quando il nostro figlio aveva10 anni giocando con il telefono del papà ha seguito per mesi la chat tra il padre e l’amante mi ha portato il Cell ho letto tutto.Da li ci siamo separati.continuato a vivere nella casa con il bimbo e pagavo metà del mio mutuo con l’aiuto di una baby Sitter.Lui si è sposato la sua amante subito piu grade di lui 10 anni perché cercava sempre la figura materna essendo cresciuto con mamma narcisista anaffettiva.Da li lui con la moglie e i miei suoceri hanno cominciato a svalutarmi quando il mio figlio da loro. Hanno cominciato a viziare il figlio con regali e doni pian piano mio figlio diventato come loro.Automaticamente dopo aver festeggiato il compleanno di 18 anni che mi ha costato un botto, Sorpresa mio figlio è diventato aggressivo offensivo anaffettivo nei miei confronti.Mi ripeteva tutti giorni questa è una casa di merda,mi diceva mamma sai nonostante hai 2 laure non capisci niente, addirittura per mangiare busso la sua camera per chiamarlo a tavola e mi guardo con cattiveria dicendomi: io mangio in camera per non mangiare con te hai capito!!!!! Da lì ho capito che sono dentro la violenza psicologica.Dopo aver fatto la serva a mio figlio e ho ottenuto questo, ho assecondato la sua scelta di andare a vivere con i nonni che abitano una via dietro la mia.Mi cerca solo per avere i soldi.Ma ho già avvisato il padre che non do un soldo a nessuno.Hanno voluto prendere l’incarico del nipote cancellando la figura materna lo devono prendere in pieno.Mi sono dedicata alla pittura vado al mio lavoro e prendo cura del mio fisico e della mia mentre .Fra 3 anni finiamo il mutuo della 🏠.Prendo la mia meta dei soldi e inizio nuova pagina.
    Vi do un consiglio non immozinate mai amore dai vostri figli perché hanno subito lavaggio dei cervelli.piu tosto cercate di amare vuoi stessi e prendete cura della vostra anima senza sensi di colpa per i figli abbiamo durato nei rapporti disfunzionali che ci hanno distrutto dentro.
    Preferisco donare i soldi ai bambini disabili o poveri al posto di donarli ad un figlio ingrato che mi guarda come se fosse nemica.!!!! Vi auguro solo la positività

  11. Rossella
    5 Dicembre 2022 at 00:23

    È verissimo uomini che sono impreparati a svolgere il ruolo di padre,e per sminuire le mogli utilizzano i figli come loro alleati ma sono delle vittime e ricalcano le impronte del padre.Anche loro a loro volta tratteranno le donne allo stesso modo del padre.Questi padri fanno grande danno ai figli e spesso le mogli vanno in psicoterapia e a volte vengono ricoverate in strutture di salute mentale.Alcune si suicidano x non subire le umiliazioni derisioni aggressioni e a volte anche abbusi.E urgente un serio provvedimento.Siamo nel terzo millennio e non nel medio evo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *