Consigli su come combattere la PAS

Alcune caratteristiche comuni osservate in genitori che hanno ottenuto la domiciliazione dei figli salvandoli da un genitore alienante:

  • Saper controllare le emozioni, non reagire con rabbia, non cercare vendetta;
  • Non essersi arresi neanche di fronte al più ostile mobbing genitoriale, fino a far capire ai giudici la necessità di affidare loro la domiciliazione dei figli;
  • La capacità di affrontare le necessarie spese finanziarie e legali e di capire il funzionamento del sistema legale; l’aiuto di avvocati e terapisti esperti in alienazione genitoriale;
  • La perseveranza nell’essere e dimostrare di essere persone razionali, di buon senso, per bene, e di avere a cuore il benessere dei figli;
  • Capire il problema da affrontare senza scoraggiarsi e considerarsi vittime; evitare di ingigantire il problema: per usare le parole di un padre “non so come alleviare il problema con la madre ma so come aggravarlo”.
  • Mantenere un diario degli eventi e documentare l’alienazione con materiale ammissibile in Tribunale;
  • Presentarsi sempre o almeno mostrarsi dai bambini, anche sapendo che sarebbero stati assenti.  Questo è triste, ma consente di dimostrare al Tribunale la loro buona volontà, smentendo il genitore alienante che accusa di mancanza di interesse nei figli;
  • Rendere gradevole il contatto con i figli e mai coinvolgerli nel caso; mai parlare male dell’altro genitore; mai mostrare un documento giuridico o far loro sentire conversazioni inappropriate;
  • Non violare le sentenze dei Tribunali; pagare il mantenimento in tempo.
Tuttavia proteggere i bambini da un genitore alienante rimanendo nei confini della legge è difficile, come esemplifica, in tono ironico, questa altra lista degli errori che andrebbero evitati se non fosse impossibile (è sbagliato provare, è sbagliato non provare): 
  1. Chiedere la separazione;
  2. Venire coinvolto in una separazione;
  3. Lasciare un coniuge/partner abusivo
  4. Tentare di rimanere nella civiltà (il tuo ex mostrerà disprezzo).
  5. Non parlare negativamente dell’ex coniuge vicino al vostro bambino (l’ex coniuge vi denigrerà parlando direttamente al bambino).
  6. Chiedere gentilmente al vostro ex-coniuge di smettere di parlare negativamente di te e della tua famiglia allargata. Spiegare che i bambini dovrebbero sentirsi liberi di amare entrambi i genitori (se siete fortunati, e l’ex coniuge capisce che la PAS è un abuso emotivo, si fermerà).
  7. Rispettare le sentenze (l’ex coniuge le violerà).
  8. Chiedere che le sentenze vengano fatte rispettare (l’ex coniuge crederà di essere al di sopra della legge.
  9. Chiedere di nuovo che le sentenze vengano fatte rispettare (attenzione il vostro caso potrà venir considerato “ad alto conflitto”).
  10. Chiedere ancora una volta che le sentenze vengano fatte rispettare (l’ex coniuge potrebbe scappare all’estero).
  11. Ignorare i suggerimenti qui sopra.
  12. Mantenere la calma.
  13. Tentare di essere un genitore e non un amico (l’ex coniuge sarà amico di vostro figlio).
  14. Ignorare il consiglio sopra suddetto (se ci si impegna nei normali doveri dei genitori, come far fare i compiti e le incombenze il bambino potrà tornare dall’altro genitore, venire usato per false accuse o in modifiche del regime di affido).
  15. Tentatare di essere un amico e non un genitore (i vostri bambini ameranno questo nuovo ruolo! L’ex continuerà ad essere un amico. Di conseguenza, i vostri figli avranno due amici, non due genitori.  Alcuni bambini possono diventare marmocchi viziati ma evitare l’alienazione).
  16. Ignorare il consiglio precedente (rinunciare al dovere educativo del genitore per mantenere un rapporto non è sano per te, né per tuo figlio).
  17. Accettare di venire trattati con disprezzo (l’ex coniuge si esalterà).
Adattato da http://padsupport.wordpress.com/2011/11/28/twenty-techniques-to-become-a-target-parent-wrong-if-you-try-wrong-if-you-dont-try/
Visualizzazioni dopo 11/11/11: 39605

13 comments for “Consigli su come combattere la PAS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *