Riepilogo sulle normative contro la PAS nel mondo

La Repubblica Argentina si è dotata già nel 1993 di una norma penale speciale per gestire i casi di “impedimento o ostacolo ai rapporti tra un minore e il suo genitore non convivente”. Il testo della della legge argentina 24270 del 1993 si trova a questo link. A questo altro link si trova un articolo in italiano che ne spiega i contenuti:
http://www.alienazione.genitoriale.com/largentina-ha-una-legge-per-proteggere-i-bambini-dalla-pas-gia-dal-1993/

Il Brasile ha una legge che dal 2010 definisce nel dettaglio la condotta di “alienazione parentale” e disciplina le modalità con cui il giudice deve intervenire per porvi rimedio, sia dal punto di vista civile (affido) che penale (sanzioni penali). Qui un articolo in italiano che spiega i contenuti della normativa e il testo tradotto in italiano della legge brasiliana 12.318-10:
http://www.alienazione.genitoriale.com/il-brasile-promulga-la-legge-a-tutela-dei-figli-dalla-alienazione-genitoriale/

Il Distretto federale del Messico nel 2014 ha emanato una norma speciale sull’alienazione parentale che è stata inserita nel codice civile. La norma disciplina le misure che devono essere assunte dal giudice per tutelare i minori dall’alienazione parentale schematizzando un protocollo di intervento molto simile a quanto proposto dagli studi accademici sulla PAS (inversione dell’affido e collocamento in sito transitorio). Qui la traduzione italiana della norma:
http://www.alienazione.genitoriale.com/il-messico-approva-una-norma-per-salvare-i-bambini-dallalienazione-parentale/
La Gazzetta Ufficiale con il testo originale può essere consultata qui:
http://www.consejeria.df.gob.mx/portal_old/uploads/gacetas/0905201421236d2801b.pdf

Il Perù non ha una normativa ad hoc, ma una sentenza della Corte Suprema ne ha disciplinato le modalità di trattamento. Qui un articolo:
http://www.alienazione.genitoriale.com/la-corte-suprema-del-peru-riconosce-la-pas-e-protegge-bambino-vittima-di-padre-alienante/

 

Visualizzazioni dopo 11/11/11: 461

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *