La paranoia querulans o querulomania

La psichiatria classica individua quattro grandi categorie di paranoia: la querulomania, l’erotomania, la gelosia e la persecutorietà.

La queulomania è una particolare forma di disturbo delirante cronico nel quale il soggetto affetto ritiene di aver subito gravi torti, di diversa natura, per i quali cerca di ottenere giustizia seguendo le vie legali, con l’istruzione di una o più cause giudiziarie.

Anche quando i torti sono totalmente immaginari, la denuncia è spesso portata avanti con abilità forense e plausibilità.  I soggetti sono persone capaci di vedere solo un lato della questione, il proprio, e con la loro assenza di dubbi riescono ad attivare casi giudiziari che normalmente non verrebbero aperti.  Quando nelle aule di giustizia viene loro dato torto, nemmeno il dover pagare penali e ricche parcelle di avvocati riesce a dissuadere il soggetto affetto, che continua a riproporre appelli o ad aprire nuovi casi legali.

Dopo aver esaurito le proprie finanze e forse quelle della famiglia, delusioni persecutorie iniziano a stabilirsi nel soggetto.   Accusa i giudici di corruzione, ed a volte anche i propri avvocati.

Sebbene ben preparati nelle questioni legali, possono prima o poi perdere le staffe, abbandonando platealmente l’aula o ricorrendo a minacce violente.  Non rari sono i casi in cui questi soggetti commettono un atto di violenza contro un funzionario del Tribunale al fine di attrarre attenzione sul loro caso.

La paranoia querulans è classificata al punto 297.8 nel capitolo V del manuale diagnostico ICD-9-CM.

Qualora le cause legali siano attivate da un genitore affetto da questa paranoia contro l’altro genitore e bvengano coinvolti i figli, possono essere causa di alienazione genitoriale (PAS).

 

 

Visualizzazioni dopo 11/11/11: 10700

4 comments for “La paranoia querulans o querulomania

  1. Ildikò
    11 aprile 2013 at 07:42

    Come la Sabrina!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *