Mamma ti odio — lettera di una ragazza vittima di alienazione genitoriale

Ho 26 anni e odio fortissimamente mia madre. Lo so che pensi che non sia giusto, ma credimi l’ha voluto lei. Adoravo mio padre e all’età di undici anni i miei si sono separati. Ricordo con la morte nel cuore quando mio padre se n’è andato via. Mia mamma odiava mio padre e ha fatto di tutto per non farci frequentare e spesso ha tentato di parlarmi male di lui. Io fingevo di ascoltarla e dentro il mio cuore piangevo e desideravo vederlo e sentirmi rassicurata da lui, mentre il mio astio per lei cresceva a dismisura. Ben presto mio padre fu costretto, si COSTRETTO, e mi rivolgo anche a quell’insensibile di Teresa che ha commentato su questo blog, ad allontanarsi da me. Quando ho avuto 18 anni sono corsa da lui, ma era ammalato e poco dopo è morto.

Maledetta mamma che so che leggi sempre questo blog insieme a V, voglio dirti che ti odio profondamente, e che spero con tutta me stessa che i tuoi ultimi anni siano mostruosi e pieni di rimorsi e che tu non possa vivere mai in pace con il tuo secondo marito.

Maledetta tu e maledette tutte quelle donne che si comportano come te. Cosa credete di fare separandoci dai nostri padri? Pensate forse che il richiamo del sangue non conti? Pensate che noi figli siamo proprietà soltanto delle madri? Mi hai rovinata cara mamma, come figlia, come moglie e come madre. Non voglio figli, per me è stato brutto essere una figlia, solo ed esclusivamente per colpa tua.

Ho paura di diventare madre perché potrei diventare come te.

 

Fonte: http://familiafutura.blogspot.com/2006/06/mamma-ti-odio.html

Visualizzazioni dopo 11/11/11: 116529

83 comments for “Mamma ti odio — lettera di una ragazza vittima di alienazione genitoriale

  1. Rosalia
    9 gennaio 2012 at 14:16

    ciao carissima,
    capisco il grande dolore che tu abbia potuto provare, prima per l’allontanamento di tuo padre e poi per la sua morte! Prima c’era il dispiacere di non vederlo, ma la speranza d’inconrarlo leniva il dolore!..poi la notizia della sua morte ti ha fatto crollare tutto!….Immagino quanto possa essere enorme la disperazione e la rabbia per qualcosa che non doveva succedere….
    Tuo padre sono sicura che ti vede ed ora è vicino a te piu’ di come non ha potuto fare prima: ora puoi parlargli…e comunicare con LuiSEMPRE!
    Non pensare di non diventare una brava madre: io sono sicurissima che saresti una grande brava mamma!!!…nessuno commette errori che non approva!
    Tua madre ha sbagliato e se ne sara’ resa conto, almeno lo spero!…tu devi essere al di sopra dei comportamenti negativi! Se lei ti ha fatto del male non devi desiderare che soffra….ma solo che capisca, per migliorare se stessa! L’odioci fa vivere male, anche se il tuo è comprensibilissimo!
    Anche se non ti conosco ho espresso un mio pensiero sperando che possa aiutarti ad essere un po’ piu’ serena…
    Un’abbraccio, augurandoti una vita piena di gratificazioni!…
    Rosalia (cell.3408821128)

  2. rosalba
    25 maggio 2012 at 23:37

    pensa che il mio al contrario sono una mamma un padre il mio ex mi ha portato via mia figlia da due anni nn la vedo e ne la sento ho provato a chiamarla ,incontrarla ..e sms mi urla mi dice sparisci lasciami in pace..ecc ( il mio ex si è innamorata di unapazza che poi si sono lasciati dopo un anno) io ci sto male senza mia figlia… sapessi quando vorrei che il padre soffrisse come sto soffrendo io,credimi mi spiace oggi giorno le persone nn si rendono conto di quando soffrono gli altri li devo provare x poterecapire credimi un abbraccio

  3. Donata
    13 giugno 2012 at 16:44

    Io odiavo mia madre: Medea che odiava mio padre. Entrambi si odiavano ma restavano insieme….Io li accettavo e li amavo per bisogno affettivo.
    Medea, mamma perfetta, ansiosa, iperprotettiva fino all’egoismo. I figli usati dai due come armi o come unica realizzazione di una vita che corre…Poi la malattia: un cancro ammala Medea: tutti al suo capezzale, anzi io e mio padre, i sui figli prediletti lontani ed al sicuro. Medea guarisce ma mio padre, il colpevole, il mostro, l’egoista donnaiolo…muore con lenta agonia…Ho scoperto di amarlo infinitamente…non so se lo meritasse…. per 5 anni al loro fianco nella malattia, da sola, senza alcun aiuto…Poi? I fratelli ricompaiono si alleano con Medea: il nuovo nemico sono io, i miei figli, dando un nuovo senso alla loro esistenza…Mi isolano…Prendono tutto, compresa l’eredità che io ho lasciato a disposizione dei bisogni di quella che credevo “madre”, iniziano un lento stillicidio…Mi allontano dai pozzi avvelenati per sopravvivere…Medea dopo tre anni mi chiama improvvisamente: vuole farmi un “regalo” per “scrupolo”…ennesima coltellata! Da lei non voglio regali. Si tenga gli scrupoli!!!
    Sono madre di tre figli, gli unici suoi discendenti consanguinei…bella beffa! La donna che mi ha partorita, mi ha usata, mi ha violentata, mi ha abbandonata…Medea che seppur in modo diverso ha ucciso i figli per punire il marito, dovrà raccogliere ora ciò che ha seminato…..il mio odio…anzi INDIFFERENZA! I suoi due figli…a sua misura ed immagine saranno la sua condanna!

  4. Stefano da Cagliari
    25 giugno 2012 at 15:29

    “Ho paura di diventare madre perché potrei diventare come te”.

    Sono sicuro che questo non accadrà. La tua paura è guardarti allo specchio e vedere in te la tua mamma.
    La tua paura è scoprire che essere madri non è facile e che si può sbagliare perchè è umano, ma potrebbe donarti anche tante gioie.
    Scoprire che potresti essere felice, per le tue paure significherebbe dar soddisfazione a quella mamma che non lo merita.
    Ma quella mamma non sei tu.
    Quella mamma non è stata una vera mamma.
    Non ha amato, non ha perdonato, non ha capito e non ha accettato.
    Forse hai paura del tuo odio, l’odio che nutri verso di lei in quanto Madre, se anche tu dovessi diventare Madre.
    Ma la verità è che i bambini sono bellissimi e tu vorresti essere madre un giorno.
    Così facendo, tu ti precludi l’accesso ad una strada meravigliosa.
    Ricorda solo che tu sei Tu e che il tuo destino te lo sceglierai da sola giorno per giorno.
    Sceglierai tu la persona che vorrai amare e col quale condividere questa gioia.
    La tua missione sarà amare solo così potrai sarai sicura che quella mamma così cattiva sarà svanita per sempre e resterà solo un lontano e sbiadito ricordo.
    StefanoS

  5. Marco
    4 luglio 2012 at 07:01

    Io sono UN padre che quotidianamente assiste a tentativi meschini fa parte Della madre di mia figlia per mettermi in cattiva luce….sta diventando la mia quotidianita e l’unico modo per non soccombere consiste nel trovar la forza nei sorrisi e abbracci della mia cucciola

  6. luciana
    4 luglio 2012 at 07:42

    Sono d’accordo con te. I genitori quando si separano non devono mettere i figli l’uno contro l’altro. Anche a ne ésuccessa la stessa cosa, anche se poi io scoperto che mio padre era un irresponsabile io sono cresciuta con l’odio verso tutti e due. Questo però non mi ha precluso di avere figli. Mi sono sposata giovane io avuto due figli purtroppo mio ex marito dopo 5 anni mi ha lasciato per un’altra donna. Ti assicuro che mai e poi mai io messo miei figli contro il loro padre. Il dolore che io provato come te, mi ha fatto diventare una mamma migliore. Ora sono felicemente nonna. Tu suoi essere migliore perché sei una persona sensibile e ti assicuro non sarai mai come tua madre. Non avere paura la tua vita la decidi tu! ciao un abbraccio Luciana

  7. Stefania
    9 ottobre 2012 at 13:08

    Sono d’accordo con StefanoS. L’amore è l’unico antidoto. E si può trovare, dentro di noi.
    Anche io ho avuto una madre “cattiva”, anche io sono terrorizzata dall’idea di diventare come lei…Ma più rifiutiamo questa eventualità più essa ci consuma…Tanto vale ammettere che potremmo sì essere come lei, è possibile, ma noi – invece- sceglieremo di AMARE, noi stesse e gli altri.
    Perchè una mamma cattiva è stata una bimba dolce, un tempo, qualcosa la ha ridotta così…
    Possiamo evitare che l’odio riduca anche noi in persone che odiano, possiamo SCEGLIERE di amare. Comiciando ad amare noi stesse, per poi essere capaci di amare gli alri (eventuali figli inclusi). Perchè, oltre all’odio, c’è amore dentro di noi

  8. Sara
    1 novembre 2012 at 22:54

    Ciao dolcissima, sono 5 lunghissimi anni che non ho più rapporti con i miei adorati figli rispettivamente di 21 e 18 anni, quando provo a chiamarli di solito non mi rispondono e,se mi rispondono, solo per maltrattarmi verbalmente! Ho scelto di separarmi dal loro papà x il semplice motivo che ero esasperata dai continui ricatti psicologici e tanto altro, ma li ho sempre tutelati evitando di portarli a conoscenza dei miei problemi di coppia, non ho mai parlato male del loro papà, anzi, li ho sempre amati e mi sono occupata di loro in tutto e x tutto, trascurando anche il mio stato di salute, lavorando e occupandomi della casa a tutela della famiglia. Posso ritenermi fortunata x il semplice fatto che sono due bravi ragazzi, non hanno problemi e si fanno voler bene da tutti, solo che mi hanno cancellata dai loro affetti, e con me tutta la mia famiglia d’origine. Sono sicura che un giorno capiranno perché nel profondo del loro cuore c’è immenso amore!

  9. VINCENZO da Taranto
    29 novembre 2012 at 22:01

    Cara ragazza,io sono un padre a cui la ex moglie russa ha portato via i tre figli pensando secondo la sua Verità di fare il bene di questi bambini.
    Ora loro sono a Mosca da ormai 17 mesi io sono riuscito a vederli nei miei tre sfortunati viaggi ora sono mesi che non li sento e non me li fà vedere su Skype.
    Io ti dico che l’odio non ti porta da nessuna parte……anch’io quando la mia ex mi ha comunicato che non voleva più tornare ho imprecato,ho odiato quella donna……ma l’odio non serve a nulla……..non devi avere paura di diventare madre….tu potrai esserlo meglio della tua mamma……..un consiglio che ti dò……di farti aiutare da una psicologa….come sto facendo io……se non l’avessi fatto…..non starei ancora lottando per i miei figli…..quindi deponi l’odio verso tua madre…….e fai crescere l’amore dentro di te……ciaoo e buona fortuna

  10. Sil
    8 maggio 2013 at 16:51

    Che dire…mi dispiace, hai tanta rabbia dentro di te e fa ancora piú male perché nonostante tutto é tua mamma, quella che ti ha fatto nascere, quella che ti si é presa cura di te da quando sei nata. Tanti padri e madri alienano i figli contro l’altro genitore. Gli usano come strumenti di vendetta verso l’ex coniuge, vogliono impadronirsi dei figli come si fa con una macchina o con una casa e sono persone, hanno bisogno sia della madre che del padre. Io non ho avuto un padre presente, mia mamma lottava per tutti noi e da lui solo avevo indifferenza, non mi picchiava ma nemmeno mi parlava, soltanto qualche volta portava soldi a casa per non farci morire di fame, il resto lo spendeva con puttane e nei bar. Questo suo comportamento mi ha lasciata numerosi traumi, intanto avendo questo bisogno di una figura paterna mi innamoravo di uomini molto piu grandi di me, non volevo intimitá con loro, volevo forse che fossero paternali e protettivi, volevo un padre, una famiglia unita, una famiglia felice ma non l’ho mai avuta. Non ho odiato mio padre, lui era cosi, incapace di provare amore verso i suoi figli, l’ho accettato cosi e li ho anche voluto bene, é stato mio padre, imperfetto ma comunque mio padre, sono sangue del suo sangue, non posso odiarlo. Prova a trovare pace nel perdono, l’odio non porta a niente di buono, soltanto alla distruzione del tuo IO piú intimo e prezioso, la tua pace interiore, la tua tranquillitá. Só che non é semplice ma perdónala.

  11. Annalisa M.R.
    18 maggio 2013 at 00:09

    Oggi in qualità di madre lotto per vedere i miei figli. Allìinizio era solo il padre a impedirmi di accudire i miei figli di 9 e 4 anni, adesso un Trib che dovrebbe tutelare i minori, mi inibisce di avvicinarmi ai luoghi da loro frequentati e non sono una criminale, una tossicodip, una prostituta, un’ alcolizzata ma un medico stimato da tutti. La Cassazione ha preso atto di ciò e ha bacchettato il padre che parla male della madre.Con tutto ciò non posso vedere i figli che adoro più di qualsiasi altra cosa al mondo.
    Chiedo sostegno e giustizia

  12. katia
    4 luglio 2013 at 16:07

    Cari amici, leggendo la vostra storia rivivo la mia, se avessi saputo tutte queste cose prima, avrei stoppato l’alienzione da parte del padre delle mie figlie, che purtroppo ad oggi ..ha vinto e nonostante le mie ragazze non siano più bambine, ma adulte (25 e 19 anni) e il mio rapporto con loro fosse consolidato e pieno di affetto e dedizione da ambo le parti, è riuscito a mettermele contro, a farmi odiare dire ..,addirittura parolacce a me ed a tutti i miei parenti…
    sono disperata e cerco continuamente qualcuno o qualcosa che mi possa aiutare, una strategia da adottare…..forse un miracolo….. soffro tantissimo,ma è un’eufemismo, mi sento lacerare da dentro non per quello che mi dicono o mi fanno, ma vedere due ragazze carine, di talento, affettuose, educate trasformate in due cani rabbiosi, mi fa morire ed anche avere voglia di morire…
    se ne è andato lui da casa, vive con un’altra, mi ha rubato tutti gli oggetti d’oro, anche quelli appartenuti alla mia famiglia di origine, mi ha portato portato via due case, una con una truffa e l’altra ci ha mandato le mie figlie mandandole via da casa con me (tra l’altro casa dei miei genitori) ha cambiato la serratura e loro non mi aprono più. vi prego se potete aiutatemi, non ho più momenti di serenità, a volte non riesco neanche più ad andare al lavoro, mi stà distruggendo.
    grazie
    katia

  13. eleonora
    7 gennaio 2014 at 23:23

    “Non voglio essere come lei” lo ripetevo in camera mia quando avevo 11 o 12 anni… non ci sono diventata… siamo fatte ognuna a modo nostro… hai una vita davanti ,nn ti precludere la maternita’ anche se soffri tanto, e’unacosa troppo bella…combatti lo spettro di tua mamma senza lasciarti avvolgere… potresti essere una mamma meravigliosa….

  14. Emanuele
    28 maggio 2014 at 15:43

    Quando i miei si separarono mio padre si allontanò gradualmente. Sono diventato padre, sono separato anch’io e anch’io ho difficoltà a vedere mia figlia per colpa della separazione e di una madre che non aiuta minimamente. Ma non diventerò mai come mio padre, amo mia figlia e quando avrà 18 anni magari correrà da me, lo spero tanto.
    Ti abbraccio forte.

  15. Claudio
    28 maggio 2014 at 21:00

    Nel leggere queste storie mi viene il magone….Sono stato lasciato da mia moglie dopo un brutto incidente d’auto…(Venivo investito mentre prestavo soccorso ad un altro automobilista) La mia cara mogliettina chiedeva la separazione togliendomi mia figlia che all’epoca aveva 6 mesi….ho lottato con tutte le mie forze per avere almeno i diritti su mia figlia…I tribunali a senso unico pro mamme!!…oggi mia figlia ha 14 anni e mi odia senza saper il perchè..,ha dichiarato recentemente al Tribunale dei minori cose di questo genere,che non mi vede come padre,che sono malato di mente,che non è vero che sono povero perchè ho tanti amici in Svizzera e sicuramente ho dei conti correnti intestati ad altri anche la,aveva memorizzato il mio nr di tel sul suo cell sotto il nome di “merdaccia” e un giorno vidi su FB dove naturalmente avevo chiesto lei l’amicizia sotto falso nome in quanto con il mio mi aveva naturalmente depennato,che mi accusava pubblicamente di essere entrato a casa sua a rubare dandomi dello stronzo…ecc..Io naturalmente non la odio e spero che un giorno venga da me senza dire una sola parola…a stringermi forte tra le sue braccia!!!

  16. Antonietta
    28 agosto 2014 at 17:11

    Io nn commento, xo’ ho una situazione simile. Ho quasi 50 anni e una mamma,sempremalata 78.Sono ragazza madre, un figlio d 14. un fratello celibe d 54.Io x mia mamma sono un mostro xche’ assomiglio al mio papa’. Mentre mio fratello, che sa assecondarla e mi consiglia sovente d fare spallucce-dille d si, nn discutere- Io vivo con mio figlio in una casa e mamma e fratello nella casa natale Il mio papa’ nn c’e’ piu’ da 16 anni..La mia mamma ha odiato mio papa’ da quando era incinta d me.Mi ha sempre coinvolto nel loro rapporto d coppia cosa che sia io che mio fratello NN abbiamo mai apprezzato. tanto che a suo tempo anche la nonna materna gli disse che nn c doveva coinvolgere. Ma Lei c ha sempre mescolato nelle sue multiformi esaurimenti. No, la mia mamma nn e’ colta, e credo che nn voglia nemmeno esserlo. Lei sa che mi mette in difficolta’ infatti stamane ennesima discussione, Sai cosa fa se nn le do’ retta?? si strappa la faccia con le mani e le unghie, e lo fa da quando son piccola, e come allora poi tremo, e sto ancora tremando da stamane. xche’ Perche’questo atteggiamento che nn la porta a nulla xche’ lo stesso atteggiamento. la ritengo pericolosa e nn voglio che mio figlio veda. Ora , mi e’ solo venuta in mente una cosa : d portare nella borsa uno specchio così quando si rivolge a me vedra’ che faccia ha lei stessa quando si rivolge a me..Una frase che mi fece ridere se vuoi ,e’ stata: E’ colpa tua che mi sono sposata!..lascio a Voi qualsiasi commento..ah io vivo indipendentemente da quando ho 19 anni..State Bene e vogliamoci bene…siamo d passaggio un abbraccio a tutte quelle donne che si son trovate in analoghe situazioni:

  17. NICOLETTA
    2 ottobre 2014 at 15:33

    mi sono separata inizio 2012 – mia figlia è andata con il padre il quale grazie a sceneggiate varie con l’aiuto dei suo avvocato, ho firmato una separazione fortemente svantaggiosa per me; ma non mi importava perché c’era mia figlia con lui e mi illudevo che l’amore il bene che ci legava sarebbe continuato anche dopo la separazione. Invece mi sbagliavo mia figlia ha iniziato ad odiarmi, accusandomi di tutto anche di quello che non avevo colpa. Ho tentato di difendermi di far capire le cose a mia figlia ma non ho ottenuto nulla, anzi le cose sono peggiorate … ad oggi lei non mi chiama mai, mi ha bloccato il suo numero, mi ripete che mi vorrebbe morta .. è lo sono, visto che per lei non esisto. Ho tentato di tutto, ma tutto quello che ho fatto è stato inutile. Io gli ho dato la vita e tanto amore, ma lei ha dimenticato tutto .. io non esisto più … sono solo una persona da far soffrire. io spero sempre che lei si ricordi di me e di noi.

  18. Exxxx
    27 ottobre 2014 at 00:35

    …potrei leggere qualsiasi cosa…. Ma…. I limiti miei, non li ha mai raggiunti nessuno…. E sfido alla mia ( misera? Aberrante?)…. Prova….: mia madre…. Che Dio la maledica…. I miei nonni gli hanno lasciato una azienda da circa 2 mil euro che ha distrutto in 2 anni ( Dubai hotel 7 stelle… Pensava di essere nefertari reincarnata….. Io busta paga, socio 10 % carta dei nonni….macchina a rate, lei a carico aziendale… Conosciuto un semi ragioniere… Pagato macchina da 70.000 euro pure a lui…. Io ricordo… Sempre vissuto con nonni, come, attualmente, fortunatamente…. Mangiato casa che i miei nonni hanno ricomperato…. Oltre buco di 1.000.000 euro… Distrutto un azienda trentennale… Pensando di essere nefertari…. Egitto…. Candele, magia…. Tutto lei…. Per farla breve… Quando finito L azienda nel brevissimo…. Non sa neanche contare… Anzi…, che gli frega…. È’ la dea incarnata…. È’ scappata con i restanti soldi del ricavato del fallimento spudoratamente sudato in 30 dai miei ( nonni)…. Io arrangiarsi…. Questo nel 2004…, fino al 2008 dopo averli spolpati ( i miei nonni)… Per altri 10?20?30?40? Mila euro…. Mi chiamavano suoi amici che lei gli aveva fregato 10-20 mila euro ( a me chiamavano!!!! Che vergogna!!!!!!!!!!!)….. Distrutto macchine ubriaca… ( 2009 dei nonni)….. L ultimo che ha portato a casa…. Per il bene di suo figlio( ricordo che non ho mai vissuto con la merda di mia madre… Ma cresciuto grazie ai nonni dall infanzia…….)…..34 anni marocchino io ne ho 33 senza lavoro lui( io ovviamente arrangiato negli ultimi 7-9 anni da solo…. Perché il 10% societario e’ scappata dal 2004…) in casa mia pagata dai nonni…. Distrutto tutto…. E l ultima volta che e’ stata da me, anzi, dai nonni, perche pagare anche per il suo marocchino della mia età…. Mi ha portatoa dormire in una casa senza riscaldamento dei nonni…. A 33 anni…. Si ubriacava un giorno si ed un giorno si…. Dimenticando dove era l auto e arrivando a casa con la polizia…… Io vi chiedo ( e sono stato breve!!!!!!!!!!!!!!!’)……. Io ….. A voi i commenti…..

  19. sabrina
    27 ottobre 2014 at 22:38

    Io odio mia figlia. Mi sono separata da suo padre perché totalmente anaffettivo e violento psicologicamente, tanto da mandarmi in cura perché non sapevo piu’ cosa fosse l’autostima dato che non riuscivo a dargli un secondo figli (e per questo disse al mio medico che ero inutile) ora mi ritrovo in casa la sua fotocopia: fannullona, prepotente, mi dice che sono fallita, che mi vorrebbe morta e io ho sacrificato tutto per lei, anche ricostruirmi una vita dopo che lui ha preso una coniglia e ci ha fatto un figlio per provare la sua virilità. Ora mi dice che sono incapace come donna di rifarmi una vita, mi mette le mani addosso e fa la bulla. La odio talmente che non vedo l’ora se ne vada da suo padre così questi due assassini della mia vita mi lasceranno in pace. Come vedete non ci sono solo figli e padri vittime, ci sono anche madri, maledetto il giorno che l’ho concepita.

  20. Silvia
    4 novembre 2014 at 15:36

    Come ti capisco cara! Ho avuto una madre che agli occhi degli altri sembrava perfetta. Le importava solo apparire, non certo essere una persona vera. Le importava cosa diceva la gente non certo l’opinione di sua figlia. In realtà era un’alcolista che mi ha negato l’infanzia e l’adolescenza. Non sai quante cattiverie mi ha detto da bambina colpevolizzandomi di tutto, ma io ero solo una bambina non avevo certo colpa di niente. Solo che questo l’ho capito da grande. Non ricordo una serata che non finisse con urla assurde tra i miei genitori. Mi ha imposto una scuola che odiavo solo per darsi arie con gli altri, indifferente che io soffrissi ad andarci, non ho mai avuto una festa di compleanno, non potevo frequentare amici. Appena dopo l’adolescenza ho provato a perdonarla, cercando di capirla e è stato il più grande errore che potessi fare. Lei ovviamente dava la colpa a mio padre ai miei nonni a tutti insomma, tranne che a se stessa Ho scoperto che mi sparlava dietro che andava a raccontare i fatti miei in giro . Andava a dire che io avevo tanti problemi ( e chissà chi me li aveva causati?) Mi sono sposata giovane e anche lì ha provato a mettersi di mezzo tra me e mio marito che per fortuna rispondeva per le rime, anzi le rideva in faccia. Grazie a lui ho davvero avuto un riscatto dalla vita! Non ti curare di quelli che non capiscono dicendo che è pur sempre tua madre. No c’è mamma e mamma. Ora ti posso dire solo due cose. Considerato quanto hai sofferto sarai una mamma deliziosa, non avere paura farai il contrario di quello che ha fatto lei.

  21. NICOLETTA
    5 novembre 2014 at 10:09

    riflessioni : è vero non solo Figli e Padri ad essere vittime , ma molte volte sono le Mamma (soffrono in silenzio) che arrivano a chiedere la separazione per situazioni insostenibili da vivere (il malessere si può reprimere per tanto tempo, ma poi esplode con tutta la sua forza) per cambiare vita e allora si trovano a fronteggiare una marea di “discorsi” “sguardi” indagatori e accusatori , come se una donna non può ribellarsi ad una vita che la fa soffrire , essa deve soffrire per forza perché donna. Una mamma in cuor suo pensa di trovare una luce negli occhi di quella figlia a cui a dato tanto e a cui vuole un mare di bene …. Ma proprio dalle figlie che dovrebbero capire più la loro situazione perché femmine , perché donne, arrivano le accuse che più feriscono , le rabbie incontrollate gli odi assurdi e immotivati . e allora una Mamma cosa deve fare “nulla” si ammutolisce sempre più ,la forza che aveva viene meno, si dice ” ma come è possibile che mia figlia mi odi così tanto …da aver dimenticato tutto di noi essere lei stessa accusatrice”. eppure questa Mamma anche con le ali i sogni distrutti continua a sperare che la propria figlia “prenda coscienza” comprenda, e riscopra quel legale intenso che le univa, e soprattutto continua ad amarla tanto. ma questo amore cosi disprezzato ora , quanto tornerà per te importate fra 20 anni ed io dove sarò. !!!

  22. Mamma
    27 novembre 2014 at 01:41

    Fiammetta ti amo, torna da me mammina…

  23. Mirko
    8 dicembre 2014 at 01:07

    Sono un padre che nn vede sua figlia da un anno perché alienata dalla madre . Sono anni che vedo queste cose , ti do l unico consiglio che ti darebbe anche tuo padre , stai alla larga da tua madre .. Tu con lei nn porti nessuna eredità , pensa a tuo padre e fai quel poco di giustizia che meritate entrambi . Non cadere nella trappola del vittimismo materno .. Ti distruggerà , ignorala punto . Auguri un saluto a te e a tuo padre che ti guarda dall alto

  24. martina
    31 gennaio 2015 at 12:35

    concordo con te!

  25. Patrizia
    18 febbraio 2015 at 16:07

    Sì l’odio va bene ma solo a patto che sia completamente farina del tuo sacco, te lo dice una ex figlia che arrivata all’età matura ha capito che l’odio verso mio padre era indotto da una persona (marito) che approfittando della sua influenza affettiva su di me, e della conoscenza profonda della mia psiche, mi manipolava. Mi ha indotto a odiare mio padre per scaricare i suoi sensi di colpa, mi ha indotto a pensarlo (accusandolo) addirittura di molestie sessuali quando ero molto piccola, nulla di ciò era vero, ma questo odio a parte l’ingiustizia sarebbe stato comunque sbagliato. Incredibile ma mi sono accorta di non avere mai portato i fiori sulla sua tomba tanto era grande questo odio. I genitori muoiono tutti, e noi restiamo con un vuoto immenso dentro, e il rimpianto di non avere fatto abbastanza per loro.So che adesso devi solo smaltirti questo grande odio e fai bene, è giusto, ma con il tempo anche se non ci credi verranno fuori tante cose che oggi non puoi nemmeno immaginare. Ho fatto un lavoro enorme su me stessa per capire tutte queste cose.
    Oggi sono una mamma infelice perché la stessa persona, e sua madre mia suocera, sono riusciti a plagiare anche mio figlio (che ha 25 anni) e me lo hanno allontanato. Ci sono tante persone che non riescono a vivere dei rapporti con esseri umani liberi, devono per forza svitarti il cervello come se fosse una lampadina per sostituirlo con uno a loro piacimento. O così, o ti fanno terra bruciata intorno, insomma continuano a esercitare il loro piccolo potere in famiglia o nel loro entourage. Spesso sono donne ma anche tanti uomini, magari le donne sono più cattive e più furbe, la mia suocera ad esempio era una donna molto malvagia. Ma anche in questo caso, l’odio dev’essere un fenomeno temporaneo oppure rischia di fare del male soltanto a chi lo prova.

  26. diana
    12 marzo 2015 at 12:28

    Anch’io ho odiato molto mia madre e, purtroppo, non ho mai avuto il coraggio di allontarmi. Tu fai benissimo a starle lontano se senti questa negativita’. Con mia figlia non ho avuto un rapporto molto facile, ma ho sempre cercato di essere sincera, cercando di spiegarle certi miei comportamenti che a lei sembravano immotivati. A volte la guardo e mi sento in colpa. Ma poi, nonostante la sua giovanissima eta’, la vedo sicura, gia’ convinta dei progetti che vuole portare avanti. Questo mi fa stare bene.
    L’unica cosa che mi sento di consigliarti è: 1) stai lontana da tua madre, non credo possa cambiare; 2) con i figli sempre e solo sincerita’ e coerenza. Non ascoltano le prediche ma guardano come ti comporti.

  27. Roberto
    17 aprile 2015 at 13:28

    Padre separato da 8 anni, ne ho subite di tutti i colori. 4 anni fa mio figlio più grande, al compimento dei 14 anni di età, ha deciso di venire a vivere con me e io lo ho accolto. Nei precedenti 2 anni i servizi sociali gli avevano assegnato un educatore di supporto domiciliare. Adesso ha 18 anni ma la madre non lo vuole più vedere.. la condizione per accedere all’amore della mamma è di odiare il papà, e lui non accetta questo compromesso. Con la bambina più piccola, che adesso ha 11 anni, la storia riparte.. è sempre stata affezionatissima a me.. abbiamo iniziato con le alienazioni, l’anno scorso per un mese, adesso per un altro mese, nuovo interessamento del tribunale dei minori, non si sa cosa succederà.. io vorrei solo vederla nei tempi stabiliti dal giudice, magari anche un po’ di più, la mamma ha pensato bene invece di convincere la bambina che io voglio portarla via da lei, quindi, come risposta, io non la vedo praticamente mai.. Mi rendo conto che l’alienazione parentale è l’arma più meschina e che la tutela dei minori, praticamente non esiste. Il genitore presso il quale è domiciliato il minore o affidato, può fare qualsiasi cosa del figlio: trattarlo male, vessarlo psicologicamente, isolarlo dal mondo.. la società, che dovrebbe proteggere i bambini non fa nulla di nulla. La scuola non si invischia, i servizi sociali seguono un protocollo che prevede per qualsiasi attività il consenso di entrambi i genitori, e questi poveri figli, per evitare le arrabbiature o l’odio del genitore più vicino sono costretti a subire, ad accettare situazioni che, quando a loro volta diventeranno adulti, useranno a loro volta in una catena di odio, in una faida senza fine.

  28. Fabio
    19 aprile 2015 at 12:25

    Non odiare tua madre, AMA tuo Padre!

  29. 7 agosto 2015 at 06:06

    Ho 75 anni in pensione e vivo da solo da 15 dopo che mia moglie mi fece calunniare di aggressione sessuale da mia figlia minore di appena 10 anni . Mia moglie , 23 anni più giovane ha usato le figlie alienadone il padre, cioè me, per liberarsi di me medesimo , ma rovinando tutta la famiglia. Geova dio darà ad ognuno il suo compenso.

  30. caterina
    12 settembre 2015 at 13:36

    i.n queste storie mi sembra che si parli solo di figlie e di mariti vittime di odi da parte di mogli o madri cattive e diaboliche, ma purtroppo ci sono tante madri e mogli che per tutta la vita sono costrette a subire odi e rancori da parte di figli e mariti cattivi per salvaguardare l.onore e la reputazione di una famiglia, piangono e soffrono in silenzio per tutta una vita, la loro sofferenza non viene mai capita da nessuno,, una donna essendo madre e moglie a quanto pare ha l,obbligo di sopportare tutto , ma tante volte è lei stessa vittima delle infelicità e frustrazioni altrui , attenzione però che la vita è un bumerang, come si tratta si rimarrà trattati

  31. fulvia
    23 settembre 2015 at 10:29

    come è triste leggere le tue parole e il dolore immenso per la sorte che ti è toccata.
    mio figlio di 19 anni mi ha detto che se davvero gli volevo bene me ne sarei dovuta andare via da casa tempo e farci tornare il padre. ma io ti ho sempre voluto bene! poi ho capito. ho capito che andandomene di casa avrei allentato la pressione psicologica che il padre (non convivente) esercitava su di lui. poi mi ha detto che io gli ho impedito di vedere e vivere con il padre. mi sono separata dal suo padre, non l’ho ucciso. è vivo e vegeto e in buona salute e abita a 2 km dal figlio. ma nessuno dei due, nè il padre nè il figlio sono stati insieme in questi 15 anni di separazione. ho chiesto a mio figlio perchè non è andato mai dal padre….lo chiedo a te. perchè sei andata solo a 18 anni? ora che odi tua madre, stai meglio? mio figlio non mi ha saputo rispondere. aggiungi solo dolore a dolore. non sò se si può perdonare la manipolazione che si subisce. non credo. io al mio ex marito non l’ho perdonata….e non gli perdonerò mai di aver fatto la stessa cosa ai nostri figli. da una parte vorrei che si rendesero conto di quel che succede…ma ho smesso di cercare di fargli capire che sono manipolati. credo che in qualche modo se ne rendano conto ma non sanno cosa fare….e io di certo rimarcandolo non li aiuto anzi, peggioro tutto. ma comunque, non vorrei per i miei figli un risveglio lacerante e distruttivo come il tuo. ti auguro di vivere il meglio che puoi…

  32. giova
    10 ottobre 2015 at 16:47

    Anche io la odio

  33. 12 ottobre 2015 at 18:37

    pensa che io mi sono separata perche’ lui il mio ex marito e’ arrivato pesantemente alle mani …. Mio figlio il piu’ grande mi ha sempre odiata(ai tempi aveva 10/11 anni) per la scelta che ho preso cioe’ quella di andarmene. Adesso lui ha quasi 30 e non e’ cambiato nulla verso di me…anzi sempre peggio. Lui ha scelto di stare con il padre pensa come potevo sentirmi io … Che ne pensi di questo tu che odi tua madre….

  34. anna
    6 marzo 2016 at 10:12

    Mio marito mi tradi con un travestito.lo perdonai.mia suocera viene considerata la peggiore donna del paese, mi trattava malissimo e io glielo permettevo.ognuno ha le sue storie, motivazioni, verità e menzogne da raccontare e non riusciremo mai a capire perche una figlia 20enne sta dalla parte del padre, mio ex marito, presuntuoso e ignorante. Per lei è il padre, per me un fallito come marito e come uomo. Come poter ragionare della stessa persona se parliamo di due ruoli diversi . Questa spiegazione mi sono data pur di sopravvivere al dolore di aver lasciato mio marito dopo che aveva spaccato il musetto a botte proprio a quella figlia che mi considera una cattiva madre

  35. Gigi
    13 marzo 2016 at 14:02

    Mia moglie, avendomi sposato per i miei risparmi e quindi non per amore, dopo un aborto , da sposata ha generato le nostre due figlie. la seconda delle quali ne ha fatto a dieci di età oggetto per farmi calunniare di abusi sessuali di cui sono stato riconosciuto innocente da un tribunale francese dove si abitava, Mia moglie ha manipolato le due figlie per mettermele contro srtumentalizzandole per fini egoistici e malvagi. Sono 16 anni da quando me ne cacciò di casa senza alcun motivolecito. Non vedo le mie figlie da allora perchè plagiate da mia moglie che è una mober , cioè falsa e bugiarda !

  36. Dorotea
    25 marzo 2016 at 23:05

    Vorrei dirvi una cosa, leggendo i vostri messaggi ho pianto, non posso tollerare che dei figli/e odino le proprie mamme,nò dico, forse perchè non siete diventate mamme voi, ma pensate a quanto dolore proviamo noi mamme per concepirvi, a quanta pazienza per farvi crescere, dandovi da mangiare, affetto, amore….. ebbene, dopo una vita di sacrifici ci abbandonate? Io ho una figlia di due mesetti, il padre purtroppo è un pò aggressivo, impulsivo e a volte alza il gomito; è ovvio che se dovesse sbagliare, io lo allontanerei per tutelare me e mia figlia…. perchè la amo più della mia vita. Certi padri non vanno ritenuti padri solo perchè c’è il legame di sangue. Cari miei un vero padre lavora tutti i giorni per mantenere la famiglia, non maltratta nè fisicamente nè verbalmente la propria moglie e la rispetta con parole dolci e di conforto, amandola sempre. Ecco chi è il vero padre. Se noi mamme allontaniamo dei padri è perchè ovviamente non sono dei bravi padri.

  37. nico
    8 aprile 2016 at 21:15

    La malvagità è nell’animo umano. Se tante donne ,spregevoli e senza scrupoli,allontanano i figli dai loro padri è perchè in primis non amano i loro figli.
    Una madre che vuole il bene dei propri figli cerca il dialogo col loro padre.Non parlo dei casi in cui un padre si comporta male. In tal caso è giusta la protezione. Mi rivolgo a quelle pseudomadri che scaricano l’odio verso l’ex coniuge/convivente per motivi di mero interesse e non altro.Sono anaffettive,e spesso anche labili di mente; anche le leggi non funzionano e le sanzioni inesistenti. In tal senso è condivisibile quanto dichiarato dalla presidente del T.M di Roma, La PAS esiste e come, e per chi si macchia di questo crimine le sanzioni dovrebbero essere pesanti.

  38. lorella
    14 giugno 2016 at 16:18

    ciao, capisco l’odio della ragazza che scrive la lettera perche’ e’ impossibile non provare quei sentimenti verso una madre che, fin da piccola, senza ragione ti tratta senza amore. io, come la ragazza che scrive la lettera, ho odiato mia madre e non ho mai voluto essere madre, il terrore e la nausea di diventare madre mi e’ cresciuto dentro fin da piccola perche’ ho detestato essere figlia. ora ho 53 anni e non mi sono mai sposata ne’ ho avuto figli. la mia tristezza e rifiuto della mia condizione da piccola e’ syato cosi forte che non ho potuto ripetere cio’ che aveva fatto mia mamma: x me era un orrore. fare un figlio e non saperlo amare e’ terribile x il figlio o almeno lo e’ stato x me. quello che ho avvertito come rifiuto da parte di mia madre mi ha creato depressionr forte in molti momenti della mia vita con forte tendenza al suicidio…forse il mio
    pensiero e’ sempre stato “se non mi ama mia madre che mi ha concepito e non c e’ un motivo per cui non mi ami
    perche’ mi dovrebbe amare qualcun caltro?” mio padre che amavo e mi amava si e’ ammalato di depressione e impiccato 16 anni fa….a mia madre non piaceva mio padte depresso e non le piacevo neanch io quando a sua volta mi sono ammalata della stessa malattia. e se stavo e sto in sua compagnia e non sono in forma mi viene spesso l idea di farmi fjori o almeno mi veniva quando rto piu depressa. mia mamma ha sempre cercato di allontanare mio padre da me e poi e’ riuscita ad allontanare mio frayello con cui non ci parliamo piu. insomma mi ha fatto il vioto intorno. solo se mi fossi lasciata trattate con sufficienza e prepotenza sarei potuta rimanere vicina a mio fratello o a lei…ma io mi sono sempre rinellata all ingiustizia e questo a lei non piace. nonostante tutto cio conyinuo a soffrire x questo non amore ingiustificato e le ingiustizie varie chr mia mamma conyinua a farmi. anch io vorrei non aver mai svuto una madre cosi, credo che sia mrglio essere orfani che avere madri cosi. cerco solo di pensare che e un karma che si ripete. mia madre era figlia di una donna che la detestava ma mia madre non lo riconosce e quindi ripete gli syesdi atteggiamenti di mia nonna, x questo non ho voluto figli. avevo psura che la maledizione si reiterasse…perche avere una madre cattiva e’ una maledizione che porti con te tutta la vita e mia madre non e mai cambiata. solo io posdo cambiere accettando questo destino e questa sofferenzs che non mi e mai piaciuta e tuttora combatto

  39. Nemesi
    16 giugno 2016 at 20:18

    MI È SUCCESSA LA STESSA COSA MA MIO PADRE NON È MORTO TI CAPISCO PURE MIA MADRE MI IMPEDISCE DI VEDERE MIO PADRE E DA 6 ANNI CHE NON LO VEDO LEI MI PARLA SEMPRE MALE DI MIO PAPÀ IO FACCIO FINTA DI DARGLI RETTA MA INVECE QUANDO ENTRO IN CAMERA MIA MI CHIUDO NELL ARMADIO E PIANGO VORREI TANTO VEDERE MIO PADRE NON LO HO QUASI MAI VISTO E VORREI TANTO VEDERLO MA MIA MADRE ME LO IMPEDISCE IO T CAPISCO MOLTO

  40. Ginevra
    30 luglio 2016 at 13:01

    Io ho 13 anni e sono figlia unica. Lggo questo blog da un po’ ma non ho mai commentato prima. La mia migliore amica non ha più una mamma. L’ ha persa all’ età di sette anni. Le hanno sparato. Io ho sofferto perchè le voglio bene come una sorella ma non capirò mai a fondo le sue emozoni. Quindi penso che nessuno possa capirla a pieno. Da come scrive penso che non voglia essere compianta. Credo che alcuni commenti scritti in buona fede come: Anche io l’ ho passato, stai tranquilla o non devi odiarla è tua madre, non facciano altro che alimentare la sua rabbia. Io ho tredici anni, sono nel periodo in cui vedi tutto nero e ti deprimi per la prima cavolata. Ma niente è in confronto a questo. Quindi sfogati, devi pur farlo in qualceh modo. Ti consiglio di scappare, lasciarti tutto alle spalle. Fai un viaggio, cerca di distrarti. Sentiti libera dal tuo passato. Tuo padre vorrebbe la tua felicità no? Spero di esserti stata d’ aiuto. Buon destino.

  41. Erika
    4 agosto 2016 at 14:27

    Sono capitata su questa pagina per puro caso e leggendo il tuo messaggio sono rimasta sbalordita.
    Ho provato esattamente quello che hai provato tu, te lo giuro!
    Ma poi ho capito un’altra cosa, ben più importante, che mi aiuta sinceramente a vivere meglio la vita: quello che chiamiamo odio in realtà è amore. so che sembra strano e non prendermi per pazza per favore.
    mi sono trovata nella tua identica situazione. anche i nostri genitori sono stati figli e si deve vedere cosa gli è stato insegnato. ho ancora la madre di madre vivente e credimi… vedere che le due si comportano nello stesso modo (anzi, mia nonna è decisamente più arcigna) mi ha fatto capire tante cose. c’è da dire poi che ognuno ci mette del suo, se ritengo che una base che mi è stata data non va bene per me o per chi ho vicino, la cambio… ma se non ci si mette qualcosa allora non cambierà nulla.
    Cerca di guardare questi aspetti (e ti capisco se dici che non è facile, che non te ne frega nulla e che tanto non cambia nulla…), ti aiuterà a capire tanti aspetti… e aspettati solo di vivere senza odio e senza rancori… e credimi, non c’è cosa migliore!
    Ti auguro una Buona Vita.
    Erika

  42. Erika
    4 agosto 2016 at 14:29

    un’altra cosa… fatteli sti figli se li desideri davvero!
    già il fatto che tu abbia paura di essere come lei è la certezza assoluta che tu non lo sarai mai!

  43. Maurizia
    26 agosto 2016 at 09:16

    Ciao tesoro, sono una mamma separata e ti posso garantire che io non ho mai messo contro suo padre mio figlio. Abbiamo un buonissimo rapporto e tutti e due amiamo nostro figlio alla solita maniera. Da donna ti dico che tutte le donne che mettono i figli contro i padri hanno dei problemi veramente gravi. I problemi con l’ex non deve gravare sui figli, ma da persone intelligenti le cose devono essere appianate. Io AMO moltissimo mio figlio e voglio solo il suo bene. Tesoro mio non aver paura di diventare madre, è la cosa più bella del mondo. Cerca di cogliere da questa brutta esperienza, solo le cose positive, tu dirai, ma cosa ce stato di positivo un tutto questo? Tesoro, l’esperienza che non ti porterà mai a comportarti come tua madre e a proteggere la tua creatura con tutto il tuo AMORE, POROLA DI MAMMA

  44. emilio
    15 ottobre 2016 at 14:27

    è il festival dell’ignoranza,l’odio è un sentimento che logora e distrugge chi ne è ambasciatore,chi odia deve avere dentro la cattiveria perché l’odio delle persone buone è l’indifferenza.Mia cara,dire che non vuoi figli perché hai paura di essere come tua madre è il chiaro sintomo che hai bisogno di un analista.
    Se non farai nulla per toglierti l’odio da dentro vorrà dire che hai perso,che sei una fallita,potrai sempre dare la colpa a tua madre come hai fatto sino ad ora,ma un giorno scoprirai che non era la verità ma solo ciò che ti faceva comodo.

  45. Veronica
    23 ottobre 2016 at 13:19

    Un figlio capirà quando diventerà genitore e marito/moglie anche lui. Quando si troverà davanti ha una situazione che non può continuare nemmeno x amore dei figli. La vita è una sola. Ogniuno di noi ha il diritto di viverla come meglio crede. Tua madre non ha ammazzato nessuno. Se non la vuoi vedere sono problemi tuoi.

  46. Trilly
    31 ottobre 2016 at 16:46

    Cara ragazza, io non ti conosco ma leggere queste tue parole mi hanno commosso. Io sono una mamma, allontanata dai propri figli proprio come tua madre ha fatto con tuo padre… i miei ragazzi non mi vogliono vedere, mando loro dei messaggi e non li leggono o rispondono freddamente di lasciarli in pace….leggere che un figlio prima o poi capisce che il genitore con cui vivono prevalentemente parla male dell’altro genitore per allontanarlo per una sadica sua “vendetta” e si desta da questo lavaggio continuo del cervello perché come dici tu sente il richiamo del proprio sangue, mi ha molto confortato. Io è da un anno e mezzo che non vedo i miei figli e spero e prego sempre che prima che sia troppo tardi i miei figli capiscano che chi li ha presi in giro non sono io che sono stata denigrata per ogni cosa,ma è il loro padre di cui si sono fidati ciecamente e che si è preso gioco di loro per ottenere la rivincita sulle decisioni irrevocabili della separazione prese da me per prima!! Ti abbraccio e ti auguro le più belle cose al mondo

  47. Don
    2 novembre 2016 at 16:33

    Salve.. dispiacente delle tue situazioni, e posso capire che hai sentito la mancanza di puo padre, quello che non ho capito il perche. Sicuramente tua madre ha sofferto molto prima di te..Cosa ha fatto tio padre? non penso che tua madre sia stata matta a farlo senza motivi.. Mi trovo nelle condizioni di tua madre, ho messo fuori mio marito, Avevo sposata mio marito 45 anni fa,dopo 34 anni mi lascio x una. Divorsiammo, dopo 2anni ritorno, siamo rimasti insieme x Altri 10 anni ma lui continuato le solita vita, anche con donnacce… gioco buggie ed altro. dunque io stavo scoppiando vedere e sapere della sua vita e.poi rubava dalla mia borsa
    Ho cercato spiegare i mie figlie ma rifiutano do sapere i motivi. Avevo anche ed ho ancora informazione in in iscritto d investicazioni.. Cosa dovevo fare cara? Non potevo vivere pesando dove e con chi stava ogni minuto e poi quando rientrava in casa sembra il Santo .. dunque kiedi tua madre il perche’ e sicuramente avra fatto tanto x te e tua famiglia .. non sembra possibile che l abbia fatto senza motivi.un abraccio e vai da mamma ti prometilto ke capirai di aver sbagliato ad odiarla senza capire le sue sofferenze. Mamma e sola.una.. e credero mai che non t vuole bene comunque cara in bocca al lupo.
    .

  48. M
    6 novembre 2016 at 11:17

    Mi spiace sentirti dire, cara ragazza, che odi. Lo fai per istinto perché ti sei sentita odiata a tua volta , e tradita da chi maggiormente doveva aver cura di te per crescerti ed educarti, farti entrare il più’ serenamente possibile nel mondo adulto che è un luogo già di suo difficile da affrontare se mancano gli strumenti appropriati.
    Cercali quegli strumenti, imitando i buoni esempi di vita adulta e abbandona il circolo vizioso dell”odiare” un altro essere umano.
    Chi ci odia ci avvelena . Fa diventare anche noi velenosi.
    Coltiva le tue attitudini più nobili. Sii felice e dai felicità agli altri.
    Chissà che un giorno tu non possa vedere tua madre con gli occhi della pietà e compatirla per i suoi errori .
    Crescere porta a spostare l’attenzione dagli altri su di se’ e su come comportarsi bene.
    Tanti auguri di riuscita.
    Un abbraccio

  49. Eli
    28 novembre 2016 at 22:16

    Io sono totalmente d’accordo con te non è giusto che i genitori ci possono farci sentire in colpa e metterci tra le loro cose dire cose oribili di tutte e due é tristissimo e ti capisco

  50. Eli
    28 novembre 2016 at 22:19

    Io ti capisco i genitori non possono metterci nelle cose private tra di loro e dire cose oribili uno del’l altro i miei si sono separati é una cosa tristissima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *