Le conseguenze a lungo termine della alienazione genitoriale

Mentre i bambini vittima di alienazione genitoriale diventano adulti, i primi studi evidenziano le conseguenze a lungo termine dell’aver subito questo abuso in età infantile senza essere stati protetti (bassa auto-stima; depressione;  abuso di alcool e droghe; mancanza di fiducia verso il prossimo; difficoltà od incapacità a formare relazioni sane e stabili…) aprendo la strada a cause legali per il risarcimento del danno biologico subito.

 

 

The American Journal of Family Therapy, Volume 33, Issue 4, 2005

 Le conseguenze a lungo termine dell’alienazione genitoriale sui bambini diventati adulti: una ricerca qualitativa

Amy J.L. Backer, Ph.D

Director of Research at the Vincent J. Fontana Center for Child Protection

Uno studio qualitativo retrospettivo è stato condotto su 38 adulti che da bambini hanno subito l’alienazione genitoriale.  Sono stati analizzati i risultati riguardanti gli effetti a lungo termine.  I risultati hanno rivelato 7 aree principali di impatto: 1) bassa auto-stima; 2) depressione; 3) abuso di alcool e droghe 4) mancanza di fiducia; 5) venire alienati dai propri figli; 6) divorzio; 7) altro.  Questi sette temi sono discussi per analizzare le vide dei figli adulti dell’alienazione genitoriale.

 

Le reazioni a lungo termine causate dall’alienazione genitoriale

Ludwig.F. Lowenstein, Ph.D

Southern England Psychological Services

Alcuni studi recenti analizzano gli effetti a lungo termine sugli adulti che da piccoli sono stati vittima di lavaggio del cervello contro un genitore.  Gli studi esistenti mostrano il danno a lungo termine che viene provocato quando i bambini sono vittima di alienazione genitoriale.

Le conseguenze della
Sindrome di Alienazione Genitoriale

Dr. Reena Sommer, Ph.D

Consulente familiare

Le conseguenze della PAS sui bambini esposti al conflitto fra i genitori provocano tremende sofferenze.  La colpa che provano quando i genitori si separano viene esacerbata dallo stress di vedere che l’amore per un genitore è condizionato ad abbandonare l’altro.  Sebbene i bambini siano impotenti nel porre fine alla guerra fra i genitori, finiscono con il credere che se si alleano con uno contro l’altro, le sofferenze finiranno.  E se il processo di alienazione ha successo, le conseguenze per il bambino che ne è vittima possono essere ancora più profonde: incapacità di formare relazioni sane e durature con gli altri, influenza negativa sulla auto-stima ed approccio alla vita.

 

Maltrattamento e abuso all’infanzia, Vol. 7, n. 3, dicembre 2005

La Sindrome di Alienazione Genitoriale nelle
consulenze tecniche d’ufficio: uno studio pilota

Anna Lubrano Lavadera, Maurizio Marasco

 Università di Roma, “La Sapienza”

Il minori con PAS manifestano più frequentemente un comportamento manipolativo e tendono a distorcere la realtà familiare.   I minori con PAS mostrano minore rispetto per l’autorità.  Altra sfera maggiormente a rischio per i minori nei casi di PAS è quella affettiva, infatti tra i minori con PAS è stata osservata più frequentemente dai consulenti un’affettività conflittuale e ambivalente.  Questi minori non possono esprimere liberamente le loro emozioni ed affetti verso i genitori e spesso possono provare affetti contrastanti senza riuscire a integrarli.

 

Visualizzazioni dopo 11/11/11: 17988

7 Comments

  1. PURTROPPO ANCHE MIO FIGLIO E’ STATO COINVOLTO….NONOSTANTE LE MIE URLA DISPERATE AI SERVIZI SOCIALI…AVVOCATI…PSICOLOGI…..NON E’ SERVITO A NIENTE….SOLO DOPO 4 ANNI UNA VERA MAMMA PSICOLOGA MI HA ASCOLTATO…E FATTO PARTIRE LA PRIMA SEGNALAZIONE AL TRIBUNALE DEI MINORI….OHHI MIO FIGLIO 14 ENNE SOFFRE D ANSIA…ATTACHI DI PANICO…PAURE..NON RIMANE A CASA DA SOLO….NON ESCE DA SOLO….E’ IN TERAPIA DALLO PSICOLOGO DA 3 ANNI ….MA TUTTE QUESTE COSE ANCORA NON E’ RIUSCITO A SCONFIGERLE….COME MAMMA HO FATTO DI TUTTO…VOI COSA MI CONSIGLIATE?

  2. Mirco

    Io sono un ragazzo uscito dalla pass recentemente. Vi avverto uscirne è difficile e i danni a lungo termine possono essere gravi ma ci si può riuscire. Coraggio genitori e figli che ce la si può fare.

  3. rita

    vivo inascoltata e disperata l’alienazione dei miei figli da 48 mesi. Mirco dimmi che davvero si può uscirne…

  4. Bianca

    Mio figlio è orfano di madre viva da 4 anni e mezzo. Il padre l’ha sequestrato e indotto a rifiutarmi per un suo progetto di vendetta e come se non bastasse la giudice mi ha fatto un provvedimento di allontanamento dal bambino senza motivo, si perché un motivo proprio nn l’ha trovato visto che tutte le relazioni sono a mio favore!!!! Vorrei informare tutti i lettori e le lettrici (specie se mamme) che in tutti i tribunali Italiani è diventata prassi togliere le madri ai figli che sia per PAS o non PAS!!! Se una madre denuncia un marito/compagno violento automaticamente gli vengono allontanati i figli per darli proprio a quel marito/compagno violento senza valutare altre soluzioni.
    Spero che qualcuno si muova per aiutarci!!!!
    Grazie per l’attenzione

  5. Anonimo

    Ho letto alcuni blog e ho appena realizzato di soffrire di Pas. Al momento mi sento un po’ confusa perché ho 18 anni e ho appena realizzato quale sia la causa della mia rabbia immotivata contro mio padre che pur non facendo nulla odio. Ora sta cercando si essere più presente ma non riesco minimamente a non provare rancore e ci sto male perché lui è una persona buona il mi sento così. Mi sa che non riuscirò ad uscirne poiché sto con mia madre e non voglio dirle nulla per non metterla nei casini. Ringrazio comunque chi ha creato questi blog in cui sono riuscita a dare un senso al mio disturbo

  6. francesco

    anche mia figlia e’ coinvolta; ora ha 14 anni e non mi vuole vedere da quando ne aveva 12. Ha anche lei attacchi di panico quando sente che vorrei parlarle o quando riceve una mia lettera; e pensare che quando aveva 9 anni non si staccava mia da me era sempre con me; voleva che le raccontassi delle storie prima di dormire e chesi etneva la mia mano finche non si addormentava. Poi io e sue madre ci siamo separati e sua madre ha iniziato a dire che eropazzo e violento e abusivo; poi sono arrivate le assistenti sociali (sono solo donne! nemmeno un uomo…) beh queste sono solo un branco di femministe estremiste che ovviamente stanno solo da una parte.
    Troppi processi e troppi soldi buttati per niente; nessuno ascolta un padre; la societa’ ci esclude, non contiamo niente. Contano solo le madri come se i figli nascessero solo da loro. La cosa che mi da piu’ pena e’ sapere che un giorno quando riuscira’ a capire il male di sua madre, allora soffrira’ molto. Spero di esserle vicino quando quel momento arrivera’; riguardo alle assistenti sociali ed ai giudici venduti queste persone innette e false verranno giudicate da Dio quindi lascio a Lui cosi io mi occupero solo di mia figlia per aiutarla a superrare la pena che dovra’ sopportare.

  7. Mario

    All eta di 5 anni ho subito un allontanamento per un lunghissimo periodo presso parenti per un motivo imprecisato e solo a distanza di più di 40 anni ho capito che tutto quello che mi e’ capitato di negativo e’ legato a quella terribile esperienza.
    Probabilmente al rientro in famiglia ho sofferto di depressione anche se non potevo capirlo.
    Molte scelte di vita condizionate ed alcuni insuccessi.
    Ho dovuto e devo indossare una maschera per potermi relazionare con i protagonisti di questa decisione ma nonostante tutto non ho interessa a causare male a nessuno e preferisco tacere. Difficile perdonare ma vi assicuro che la strada esiste per chi vive questa esperienza .
    Il genitore dovrebbe , al contrario del mio caso, assicurarsi che il/la figlio/a sia circondato sempre da quell affetto che gli e’ mancato e che la crescita sia supportata da iniezioni di fiducia e stima costanti ed incessanti.
    Per la cronaca alla fine ho avuto successo anche se lo ritengo un successo amaro …… nonostante tutto!
    Le relazioni sociali ed affettive possono e spesso sono alterate da questi eventi … !
    Purtroppo questo e’ il nostro mondo, la nostra società’ “ moderna” ed ahimè il nostro futuro.
    Forza e coraggio a tutti coloro che si trovano in questa situazione, un abbraccio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *