Il Giornale: vetero-femministe contro la protezione dei bambini dalla PAS

Il Giornale denuncia la vergognosa campagna attuata da alcune femministe che cercano di terrorizzare le donne con assurde falsità al fine di boicottare la riforma dell’affido condiviso, ed in particolare l’articolo per la protezione dei bambini dall’abuso dell’alienazione genitoriale:

 

«punto sul quale le femministe hanno perso la trebisonda, il ddl timidamente vorrebbe riconoscere quella «sindrome di alienazione parentale» (in medicina: PAS), che spesso i padri e le loro nuove compagne hanno imparato a riconoscere. Una sindrome che vede il minore diventare man mano diffidente, taciturno, prevenuto, irritabile, incapace di costruire un rapporto con uno dei due genitori, perché l’altro persegue subdolamente una persistente e velenosa opera di denigrazione.

Come si vede, nulla di trascendentale. Difesa del minore dalle subornazioni degli adulti. Nulla che possa minare quella sorta di supremazia naturale delle mamme nelle separazioni. Ma perché tanto terrore? Che cosa temono i paladini del diritto materno a senso unico? Stiamo esagerando? No.

Basti l’attacco dell’articolo uscito su Repubblica.it per capire il carico da novanta messo in canna: «Donne trattate come bestie dai compagni. Bambini maltrattati dai loro padri… Due disegni di legge, in discussione oggi alla Commissione Giustizia del Senato, rendono obbligatorio il ricorso alla mediazione familiare anche in casi di padri/mariti o partner violenti… La Fondazione Pangea onlus mette sotto accusa questi due ddl, spiegando che “ricordano la patria potestà”…». Balle spaziali. Argomenti strumentali buttati lì a mazzo. E l’articolo prosegue, sull’introduzione della Pas: «L’associazione ricorda che questa “sindrome” viene spesso erroneamente utilizzata nei tribunali e dai servizi sociali in Italia per decretare il diritto dell’abusante, in casi di separazione per violenza agita dal partner sulla madre e sui figli, ad ottenere una mediazione forzata e poi l’affido condiviso dei figli”. “È bene sottolineare che i bambini e le bambine che hanno un padre violento stanno bene in sua assenza: solo così possono ricostruire un futuro sereno assieme alla madre”, scrive l’associazione…».

Come si vede, una miscela incredibile di acredine e falsità, basata sul (falso) presupposto che le separazioni verrebbero poste in atto per violenze e maltrattamenti dei mariti nei confronti delle mogli. E che i padri violenti avrebbero accesso alla mediazione familiare. Ma quando? Ma dove? In che mondo vivono, questi giapponesi nella giungla del femminismo? La guerra però è finita. Che esista ancora il fenomeno della violenza sulle donne, c’è qualcuno che lo mette in dubbio? E che c’azzecca con la normativa che regola le separazioni (il più delle volte determinate da ben altri motivi)? Più interessante rilevare, allora, i nessi tra queste prese di posizione e, per esempio, l’interesse della lobby degli avvocati: con l’obbligatorietà della mediazione, addio cospicui assegni per le infinite beghe tra coniugi. E addio anche al dispotismo dei giudici, capaci di decidere con leggerezza e pregiudizio sulla vita di minori e papà (o mamme che siano). Senza mai pagare per le famiglie distrutte: più da loro, che da una triste separazione tra coniugi.»

[Fonte: http://www.ilgiornale.it/interni/tremate_streghe_son_tornate_vanno_caccia_ex_papa_separati/cronaca-attualit-gallone-pap-mamme-separati-affido-condiviso-tribunali-avvocati/16-06-2012/articolo-id=592820-page=0-comments=1]

Visualizzazioni dopo 11/11/11: 1849

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *