I risultati delle ricerche sui bambini vittima di PAS oggi adulti

La dott. Amy J.L. Baker, direttrice di ricerca presso il Centro per la Protezione dell’Infanzia V.J. Fontana, ha intervistato 40 adulti cresciuti alienati contro un genitore ad opera dell’altro genitore. Le conclusioni tratte da queste interviste sono:

  • I bambini non si sono necessariamente allineati con il genitore migliore. Molti degli adulti alienati da bambini hanno subito abusi fisici e/o sessuali ad opera del genitore alienante.  Questo risultato è consistente con ricerche epidemiologiche sulla concomitanza di diverse forme di abuso. Cioè, genitori che abusano dei figli in un modo, tendono ad abusarli anche in altri modi.  Questo risultato smentisce il pregiudizio che i bambini si alleino sempre con il genitore migliore.
  • I genitori alienanti operano come santoni di una setta.  I genitori che hanno perpetrato la PAS hanno usato tecniche simile a quelle usate dai santoni di sette.  I loro figli oggi adulti descrivono le loro strategia di manipolazione emotiva, quali l’amore condizionato, la creazione di vincoli di lealtà, e l’aver coltivato la dipendenza, nonché tecniche di lavaggio del cervello, quali la ripetizione di affermazioni negative contro il genitore alienato, e pensiero mono-direzionale.
  • I genitori alienanti possono avere disturbi della personalità. Le descrizioni fatte dai figli cresciuti fanno concludere la presenza di criteri diagnostici di disturbi della personalità.  Il disturbo più presente era il narcisismo; alcuni genitori possono aver avuto personalità borderline o anti-sociali.
  • L’alienazione genitoriale è una forma di abuso emotivo. Le strategie dei genitori alienati usate per alienare i figli erano abusi emotivi: i bambini sono stati assaliti verbalmente, isolati, corrotti, rifiutati, terrorizzati, ignorati, sottoposti a forti pressioni allo scopo di alienarli.  Per di più, la risultate separazione ingiustificata dal genitore alienato è di per se stessa una forma di abuso emotivo.
  • Il rendersi conto di essere stati alienati è un percorso, non un evento.  Raggiungere la consapevolezza di aver subito l’alienazione è stato usualmente un processo lento e doloroso.
  • L’impatto della alienazione genitoriale dura per tutta la vita e può trasmettersi alle generazioni successive.  La PAS ha conseguenze negative a lungo termine, fra cui depressione, bassa auto-stima, mancanza di fiducia in se stessi e nel prossimo, abuso di sostanze, ed il divenire a propria volta genitore alienante contro i propri figli.

La ricerca smentisce tre miti riguardo alla PAS:

  • Che l’alienazione genitoriale sarebbe perpetrata da madri contro padri.  6 dei 40 intervistati erano stati alienati ad opera del padre; siccome il campione non era rappresentativo, è impossibile calcolare la proporzione di bambini alienati da madri o madri.  Ma può essere concluso che alcuni padri praticano l’alienazione genitoriale.
  • Che solo figli di genitori separati sarebbero vittima di PAS.  È ora evidente che la PAS può avere luogo in famiglie intatte.
  • Che la PAS può essere perpetrata solo da genitori che hanno la domiciliazione dei figli.  Un caso riguardava un bambino alienato dal padre contro la madre, presso la quale risiedeva.  L’alienazione può essere effettuata durante le “visite” presso un genitore, specialmente se i tempi di visita sono ampi ed il genitore è molto efficace nelle tecniche di manipolazione.

[Fonte]

Visualizzazioni dopo 11/11/11: 1750

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *