Pubblicata in italiano l’opera di Gardner per difendere i bambini dagli abusologi

1372752_236255349866973_94637830_nLa dott. Francesca Ricca ha tradotto in Italiano e pubblicato (edizione Quattroventi) il libro “Isteria collettiva dell’abuso sessuale. Una rivisitazione dei processi alle streghe di Salem” che il prof. Gardner scrisse per denunciare un nuovo terribile abuso subito dai bambini, ad opera di chi finge di difenderli.

La storia inizia negli anni 80 negli USA: intere cittadine ebbero la vita devastata quando si diffuse l’isteria che bambini subissero abusi sessuali e venissero uccisi in riti “pedo-satanici” nelle scuole.  I bambini venivano plagiati a raccontare orrori inverosimili di loro amichetti squartati.  Intere scuole furono scavate fin nelle fondamente per cercare prove, ed il risultato di decine di investigazioni in tutto il mondo è che mai nulla del genere è stato trovato.  Mai si è avuta prova di alcun rito “pedo-satanico”: trattasi dell’immaginazione di mente malate e perverse. (La persona che ha inventato il termine raccontava anche dell’esistenza di una città sotto il lago di Ginevra).

Questa follia si è poi diffusa in Europa, e soprattutto l’Italia ha pagato il un grave tributo di sangue (Bassa Modenese, Brescia, Torino, probabilmente Rignano Flaminio…): persone falsamente accusate si sono suicidate, bambini hanno avuto la vita devastata, costretti a credere in schifezze perverse, allontanati dalle proprie famiglie, una mamma è fuggita in Francia per partorire al sicuro il quarto figlio dovendo abbandonare i primi tre in mano a questi pazzi.  Autori di perizie false che hanno causato questi morti non hanno mai pagato i loro crimini.

g12c000000000000000ac6bb2e24ba0a7177e4b4f22cfc090450df3f919

Il logo dei pompieri di Salem, città nota per una caccia alle steghe folle quanto l’attuale isteria

Oggi l’infame fenomeno degli abusologi è evidente, ma così non era quando Richard Alan Gardner lo comprese per primo ed ebbe il coraggio con questo libro di denunciarlo, tentando una difficile opera di pompiere per il bene dei bambini.

L’isteria degli abusi venne accesa come strumento della guerra del femminismo contro gli uomini, ma ebbe vita propria venendo alimentata da altre sette di tipo religioso, e da psicologi che operano attribuendo i disturbi dei loro pazienti a traumi subiti durante l’infanzia, da fare riemerge mediante tecniche di ipnosi distensiva.  Questo in una fase storica in cui le donne venivano spinte nel mercato del lavoro e si sentivano in colpa per lasciare i figli negli asili, invece di accudirli personalmente.  Ad essere colpite da false accuse sono state soprattutto maestre.  Ed a colpire sono stati soprattutto avvocati ed altri professionisti, detti “abusologi”, che si arricchiscono con false accuse di pedofilia.

Gardner sottolineò come questi abusologi che vivono tuonando contro inesistenti pedofili, spesso sono loro stessi pedofili talmente subdoli da essere infiltrati nella falsa anti-pedofilia, e che usano le false accuse di pedofilia per dare sfogo alle proprie tendenze, devastando la vita di bambini innocenti.   Anche qui il tempo ha dato ragione a Gardner: alcuni di questi signori sono stati condannati per pedofilia.  Vari abusologi gestiscono case-famiglia di bambini allontanati dalle loro vere famiglie.

Passata l’ondata degli abusi nelle scuole, il filone principale di queste organizzazioni criminali è diventato l’aiutare madri separate ad impadronirsi dei figli mediante false accuse di pedofilia contro i loro papà: oggi in Italia l’80% delle accuse di pedofilia sono contro papà separati, che risultano innocenti nel 92-96% dei casi.  Queste associazioni dispongono di speciali ginecologhe e speciali psicologi disposti a scrivere falsamente che un qualunque bambino è stato abusato.   Siccome le loro clienti usano le calunnie per terrorizzare ed alienare i bambini, gli abusologi tentano di opporsi alla magistratura che per proteggere i bambini li allontana dalle loro clienti ed a tal fine cercano di negare che l’alienazione genitoriale è un abuso sull’infanzia.

Il professor Garder, anche da morto, continua a subire pesanti diffamazioni finalizzate a screditare le sue idee sulla Sindrome di Alienazione Genitoriale (PAS).  Non trovando niente da attaccare nella sua vita, estraggono frasi fuori contesto dai suoi scritti in maniera da distorcerne il senso: ad esempio indicazioni terapeutiche su come trattare efficacemente i pedofili vengono spacciate per appoggio alla pedofilia!

Grazie a questa traduzione, chiunque può ora leggere il vero senso delle parole di Gardner.

Il contenuto del libro può avere l’effetto di un pugno nello stomaco — Gardner deve addentrarsi nella mente di pedofili, abusologi, odiatrici di uomini, ma se uno supera il disgusto capisce che le considerazioni sono corrette ed illuminanti.

 


Collana: Psicopatologia e ricerca clinica. Collana diretta da Marco Casonato
ISBN 978-88-392-0969-6

Indice:

I. Il problema fondamentale dell’abuso sessuale
II. Le normali fantasie infantili
III. Programmi di prevenzione dell’abuso sessuale
IV. L’onnipresenza degli stimoli sessuali ambientali
V. Il contributo dei genitori
VI. I “validatori” e gli altri esaminatori
VII. I bambini
VIII. I medici
IX. I procuratori
X. I giudici
XI. Gli avvocati
XII. I cosiddetti terapisti
XIII. La società
XIV. I processi di stregoneria di Salem: una rassegna storica

Vedi anche: http://richardalangardner.wordpress.com

Visualizzazioni dopo 11/11/11: 2489

1 comment for “Pubblicata in italiano l’opera di Gardner per difendere i bambini dagli abusologi

  1. marco
    24 ottobre 2013 at 00:16

    semplicemente divorato..utilissimo! letto in due giorni. vi consiglio l’acquisto, per fortuna che qualcuno si è degnato di tradurre Gardner, curato molto ma molto bene!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *