El Pais: supplemento sull’alienazione genitoriale.

L’alienazione genitoriale si aggrava con il passare del tempo.  All’inizio è un male lieve: i bambini manipolati mostrano ancora un pensiero indipendente e compiono attacchi di bassa intensità contro il genitore alienato: “sei cattivo”, “sei un’alcolista”.

Al grado medio, i contatti sono più conflittuali, ed i figli li giustificano con razionalizzazioni deboli: “non voglio vederlo perché non mi da il prosciutto che mi piace”, “mi fa arrabbiare perché vuole vedermi”, “mi maltratta psicologicamente in maniera sistematica”.

Se non viene fermato in tempo, la sindrome avanza al grado grave.  Il figlio estremizza gli attacchi, accusa il genitore alienato di maltrattamenti o di abusi; lo psicologo Josè Manuel Aguilar riferisce che in un caso addirittura un bambino raccontava di “quando aveva un anno e quindi è impossibile che ricordasse!”. […]

La Corte Europea per i Diritti Umani ha sentenziato contro vari paesi in diversi casi di alienazione genitoriale ed il Giudice Francisco Serrano aggiunge “temo che possa venire condannata la Spagna, perché la Giustizia non fa tutto il possibile per garantire il diritto dei genitori ad avere contatti con i propri figli.  Quello che più spaventa è l’uso che alcuni genitori fanno di denunce per violenza come una strategia di alienazione genitoriale”. […]

Questi sono alcuni passi tradotti da un servizio pubblicato dal quotidiano spagnolo El Pais del 4 luglio 2007.

La stampa di lingua spagnola ha dedicato sempre grande attenzione al fenomeno dell’alienazione parentale, probabilmente a causa della grande diffusione che esso ha oltre che in Spagna anche nei paesi latino americani.

El Pais è il primo quotidiano in Spagna e ha una tradizione di impegno politico a sinistra. In anni più recente altre due testate di indirizzo “liberal” e progressista – Newsweek nel 2014 e The Guardian nel 2016 – hanno dedicato ampi servizi al fenomeno dell’alienazione parentale. Ciò dimostra che a sostenere che l’alienazione parentale sia un tema che interessa la destra conservatrice rimangono solo i pochi che su Internet fomentano l’isteria del femminismo radicale.

Fonte: El Pais, supplemento salute.

 

SAPSuplementoSaludEP140707

Visualizzazioni dopo 11/11/11: 3436

1 comment for “El Pais: supplemento sull’alienazione genitoriale.

  1. ROBERTO
    12 agosto 2012 at 08:13

    l’alienazione genitoriale esiste ed e’ grave .il bambino inizia ad avere un’alterazione della realta’che nei migliori dei casi si risolve in eta’ adulta con un supporto psicologico che dura anni.nelle forme piu’ gravi rimangono bambini prima, ragazzi dopo e uomini con problematiche psicorelazionali, fragili.questi giovani sono maggiormente proiettati ad infrangere le buone regole di vita.secondo uno studio la percentuale e ‘altissima che diventino bulletti o eccessivamenta accomadanti nei rapporti interpesonali fra coetani .maggiore e’ la percentuale ancora che possono diventare genitori molto tempo prima della maggiore eta’.minor rispetto per le figure istituzionali, si risponde alla maestra ,agli adulti, maggior predispozione a commettere bravate che sono di pertinenza penale, sfiducia nel genere umano sopratutto con quelli dell’ altro sesso.in molti stati sopratutto in usa si e’ arrivati addirittura ad uccidere il genitore che come colpa AVEVA ,DI ESSERE UN GENITORE ALIENATO, E NON DI ESSERE UN PESSIMO GENITORE.in qualita’ di responsabile di un’associazione per la tutela dei diritti dei bambini vanno eliminate in tutti i modi cio che puo’ portare all’alienazione.se i grandi si fanno la guerra usando i figli , i figli devono essere tutelati maggiormente.1)sansazioni economiche e penali per il genitore alienante.2)la locazione del minore deve essere spostata sul genitore alienato.3)supporto psicologico ai genitori per la difesa della genitorialita’o meglio della bigenitorialita’4)sanzioni economiche\penali per tutte le false accuse che i grandi si sono fatti per monopolizzare l’affetto dei figli.5)i bambini assulutamente non devono andare in comunita’ in caso di conflitto genitoriale, trovare soluzioni piu’ idonee con personale qualificato, motivato e disinteressato da eventuale bisness che potrebbe nascere.6)i minori vanno tutelati quindi e’ giusto che ci siano organi di controllo che applcano sanzioni a quelle nazioni che o per disinteresse o per altri motivi non fanno nulla per evitare tutto cio’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *