«Da due anni non vedo le mie figlie» padre dal Papa – Avvenire 10.9.19

Un ingegnere spagnolo in due mesi è andato da Santiago de Compostela a Roma, oltre 2.300 km «Da due anni mi impediscono di incontrare le mie gemelline di 10 anni. Chiedo aiuto a Francesco»
di Luciano Moli (Avvenire 10 settembre 2019)

«Per i miei figli andrei a piedi in capo al mondo ». Forse in Spagna il proverbio suona così: «Per i miei figli andrei a piedi da Santiago de Compostela a Roma». Detto fatto. Pablo Martin Mora Bermudez, 48 anni, di professione ingegnere, di condizione umana padre separato che da due anni non riesce più a vedere le proprie figlie, ha deciso nel cuore dell’estate che quel proverbio doveva avere un senso. Il 4 luglio è partito dal santuario della Galizia che custodisce le reliquie dell’apostolo Giacomo e, in poco più di due mesi ha consumato le scarpe per per- correre i 2.300 chilometri fino a Roma.

Ieri è arrivato in piazza San Pietro. Obiettivo quello di spiegare al Papa il suo dramma di genitore che, a causa della separazione, non può esercitare il suo diritto-dovere educativo nei confronti delle figlie, Laura e Amanda, dieci anni. Ad ostacolarlo una serie di inghippi giuridici e, soprattutto, la volontà dell’ex moglie. Secondo quanto racconta l’uomo lei non perderebbe l’occasione per metterlo in cattiva luce agli occhi delle piccole. Così che, alla sofferenza di non aver potuto trascorrere negli ultimi due anni neppure un minuto con le sue bambine, s’aggiunge nel cuore di Pablo la preoccupazione per quello che loro penseranno di lui. «E se non mi volessero più vedere a causa di quello che racconta la madre?».

Il dramma di Pablo purtroppo è ben noto. Si chiama alienazione parentale (pas secondo l’acronimo inglese). E se gli esperti sono divisi sul fatto che questo comportamento nefasto debba essere definito sindrome, disturbo, patologia o chissà cosa d’altro, resta il fatto che quando una moglie o un marito mettono in atto oblique strategie di sbarramento nei confronti dell’ex per impedire i contatti con i figli, la sofferenza ha ricadute pesantissime sulle vittime designate. Pablo, separato da cinque anni, ha tentato tutte le strade per ottenere dal tribunale un provvedimento favorevole. «Il giudice – racconta – ha rilasciato una perizia in cui vengo definito un padre ottimo e in cui si impone alla mia ex consorte di agevolare i contatti tra me e le bambine.

Ma in Spagna, se la mamma si oppone, non c’è legge che tenga. Avrà sempre ragione lei». Succede più o meno lo stesso in Italia e in altri Paesi occidentali se è vero che, in poche settimane, il dramma di Pablo è diventato icona delle tante situazioni di sofferenza in cui sono coinvolti migliaia di padri separati, circa 500mila in Italia, secondo le stime dell’Associazione famiglie separate cristiane che ha subito raccolto l’appello dell’ingegnere spagnolo. «Siamo con te – gli ha scritto Ernesto Emanuele, presidente dei separati italiani – e saremo al tuo fianco per presentare al Papa tutto lo strazio dei padri, ma anche di non poche mamme, che a causa di leggi ingiuste sono costretti a vedere i figli crescere come orfani di genitori vivi».

Parole di sostegno al gesto di Pablo Martin sono arrivate da tanti genitori separati in Spagna, Francia e Italia. Non pochi lo hanno ospitato a pranzo, gli hanno offerto alloggio. Qualcuno avrebbe voluto anche sostenerlo economicamente. «Ma non ho bisogno soldi, anche se probabilmente al mio ritorno non potrò più tornare al mio lavoro di progettista. Vorrei solo far capire cosa prova un padre a cui viene impedito di vedere le proprie figlie ». Lungo il percorso lui, uomo di profonda fede, ha volunto incontrare anche alcuni vescovi. A Genova è stato salutato e incoraggiato anche dal cardinale Angelo Bagnasco. In tanti, oltre a sostenerlo e ad accompagnarlo per lunghi tratti, hanno voluto affidargli lettere e messaggi con la propria storia. Così che, se davvero avrà la possibilità di incontrare il Papa, l’ingegnere spagnolo diventerà ambasciatore delle sofferenze e delle richieste di migliaia di ‘colleghi’ europei.

Fonte/credits: Avvenire 10 settembre 2019

Visualizzazioni dopo 11/11/11: 253

1 comment for “«Da due anni non vedo le mie figlie» padre dal Papa – Avvenire 10.9.19

  1. Pasquale Scarano
    11 Settembre 2019 at 21:07

    Comprendo bene le parole e la sofferenza fisica e mentale di questo padre. Ha scelto di fare un cammino di fede e di speranza. Come si suol dire un altro santo da calendario ai tanti già presenti sul ricco calendario… Come al 29 settembre (San Michele) sono stati aggiunti 2 posti a tavola. Avvenire qualche anno fà ha scritto la mia storia. Anche i miei 2 figli sono orfani di padre, nonna, zii e cugini Vivi.. NONOSTANTE I PROVVEDIMENTI DEI VARI TRIBUNALI DISPONGONO LA RIPRESA IMMEDIATA DEGLI INCONTRI PADRE FIGLI, Ormai sono passati 8 anni 6 mesi e 8 giorni che non sento e vedo i miei figli. La colpa non è del genitore collocatario malvagio, ma del sistema che non interviene e permette questo (giudici, assistenti sociali, avvocati e politici) per business . https://youtu.be/2vz2AcTyE3w http://www.adiantum.it/public/2798-storia-di-pasquale-s.–se-protesti-con-civile-perseveranza,-allora-sei-matto.asp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *