“Il figlio di genitori separati” – del dott. Vittorio Vezzetti

Rivista pediatria socialeIn questo articolo pubblicato nel numero 3/4 2009 dalla rivista scientifica Pediatria Preventiva e Sociale il pediatra Vittorio Vezzetti presenta in modo chiaro e sintetico le caratteristiche cliniche della alienazione genitoriale, i danni che provoca sul minore e i possibili rimedi. Una parte dell’articolo è dedicata alla rassegna delle ricerche più recenti sul danno derivante ai minori dalla deprivazione genitoriale e dall’assenza della figura paterna.

Testo completo dell’articolo in formato pdf: link

Il figlio di genitori separati

V. VEZZETTI

Pediatra di famiglia, ASL 14 Varese

La sindrome di alienazione genitoriale – Parental AlienationSyndrome PAS: una nuova malattia chiede di affacciarsi nei tribunali?


La PAS è una sindrome cioè una associazionedi segni e sintomi, di cui si è avuta da sempre l’impalpabile percezione –specie, ma non solonelle cause di affidamento – ma che è stata identificata compiutamente e concretamente solo nel 1985 da Richard Gardner (1), grandissimo e compianto neuropsichiatra infantile e psicanalista statunitense.

In Italia è stata introdotta dal prof. Gulotta (2), ordinario di psicologia forense dell’Università di Torino; poco importa che, attualmente, essa non sia ancora inserita nel DSM IV: nella maggior parte dei paesi europei essa è accettata e considerata una situazione gravemente pregiudizievole al pari dello stalking.

[…]

Visualizzazioni dopo 11/11/11: 10620

1 comment for ““Il figlio di genitori separati” – del dott. Vittorio Vezzetti

  1. franchi celeste
    22 settembre 2014 at 15:46

    Ciao caro collega, mi ha parlato un informatore del farmaco della tua battaglia senza fine contr l’ingiustizia Legislativa di noi separati nei confronti di ex mogli che ci portano alla NON serenita’ del vivere quotidiano con le loro continue vessazioni pratiche e mentali,che portano i figli ad allontnarsi dai padri e al default economico. Mi piacerebbe avere dei consigli date,caro Collega, in modo da sapermi meglio orientare nel dedalo delle menti di giudici che decidono della mia vita mangiandosi un panino a pranzo mentre leggono disrattamente la tua pratica e decidono della tua vita. Per ora ti saluto, speranzoso di sentirti via mail.
    Franchi Tino,mmg.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *